27 Febbraio 2021

Pubblicato il

Pronto soccorso oggi, la testimonianza da una sala d’attesa romana

di Redazione

"Confido nel coraggio degli italiani, gli anziani hanno vissuto guerre ed epidemie e forse questo li ha preparati a mantenere la calma"

Abbiamo raccolto la testimonianza della nostra casalinga Dop Assunta Di Marzio, dalla sala d'attesa del pronto soccorso Casilino. 

"Oggi 6 Marzo, sono stata nella sala d'aspetto di un distaccamento del Policlinico Casilino a causa di un problema alla gamba, e una scena mi ha colpita, anche se ne conosco le ragioni: avevano messo lo scotch a una poltrona sì e una no per non farci sedere vicini, è stato detto ai parenti dei pazienti di restare fuori per evitare che persone sane entrassero cotituendo rischi per se stessi e gli altri, ma il clima era di indisciplina e molti hanno cercato di entrare lo stesso. Le persone anziane indossavano mascherine e alcuni anche guanti, oppure le signore una sciarpa sul viso. I giovani li ho visti senza copertura su bocca e naso, portando anche bambini nella sala d'attesa. Non credo che questo sia coraggio, ma sia imprudenza. In generale ho quindi notato pazienti disciplinati e accompagnatori no. Non ho visto fuori dall'entrata della struttura cartelli con regole scritte che dicessero di restare fuori, perciò senza questi moniti scritti, è chiaro che le persone, a voce, non rispettino ciò che viene loro detto. 

Vuoi la tua pubblicità qui?

Ho visto diligenza tra amici e conoscenti, niente baci né strette di mano a chi si rincontrava magari dopo un intervento. Non ho visto il timore che vediamo in Tv, forse più tranquilla di quanto ci si potrebbe aspettare negli ospedali. I medici tutti responsabili, con mascherine e guanti, a debita distanza. I tempi di attesa per le visite ragionevoli, circa venti minuti.

Ciò che amareggia le nonne, per ciò che ho potuto constatare io, è la chiusura delle scuole: forse non è ancora chiaro che se questo provvedimento è stato preso ci sono motivi ragionevioli e seri per farlo. Ho sentito molti nonni e genitori lamentare il fatto che l'annuncio delle scuole chiuse è stato dato ufficialmente intorno alle 18:00 e questo ha comportato difficoltà per organizzarsi con tate e nonni già la mattina successiva. 

Confido nel coraggio degli italiani, gli anziani hanno vissuto guerre ed epidemie e forse questo li ha preparati a mantenere la calma in casi di emergenza come questa". 

Leggi anche: 

Valmontone. Noemi, bullizzata per anni, si prende la sua rivincita

Viterbo, cuocevano cibi scaduti rivendendoli come precotti al supermercato

 

 

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento