Vuoi la tua pubblicità qui?
18 Maggio 2021

Pubblicato il

Quanto sei sporca Roma quando è sera

di Redazione

La sceneggiata napoletana che vede coinvolto l’ex primo cittadino della Capitale tiene ancora banco. Lacrime e cori da stadio

La sceneggiata napoletana che vede coinvolto l’ex primo cittadino della Capitale tiene ancora banco. Lacrime e cori da stadio, da una parte, per i tifosi del chirurgo che lascia l’incarico non senza rancori, tappi di spumante che saltano a più non posso e che festeggiano l’evento, dall’altra. Nel mezzo? Roma. La Roma Capitale che, ferita ed offesa, ancora una volta prova rimboccarsi le maniche in attesa della solita, ennesima partita a scacchi che la vedrà Regina,attrice non protagonista e senza nemmeno lo straccio di una nomination. Abbandonata a se stessa e in preda all’ennesima crisi di nervi, la città si ritrova nuovamente sola. Sfregiata nell’anima, derisa e bestemmiata, depressa. Cene e cenette? Mafie e “mafiette”? L’acqua calda l’hanno riscoperta in tanti. Come se si fosse atterrati solo ora sul Pianeta Terra e ci si trovasse di fronte a forme di vita primordiali, vagamente intelligenti. Vogliono forse farci credere che le storielle romane degli ultimi anni siano una scoperta? E poi, siamo sicuri che le medesime vicende siano un brevetto soltanto capitolino? Prime serate e paginoni di carta che strillano ritornelli che suonano nuovi come le peripezie di Salvatore Giuliano. Il Fonzie, prima del Consiglio e dopo il Mike, si era presentato dalla Maria nazionale per battere le presunte opposizioni in campagna elettorale. Siamo a questo. Anzi, a nemmeno questo, perché, allora, non c’era stato nemmeno il cavillo del voto. Ma farneticazioni come queste, con le sceneggiate all’ombra del “cuppolone”, c’entrano poco o nulla. Forse. Ed allora si rifanno sotto tutti. Sono andati a cercare i vecchi sindaci viventi fino alla terza glaciazione. E poi, volti noti e meno noti, attrici e presunte tali. Tutti si rifanno il look e le unghie. Tutti si propongono. Ammiccano. D’altronde, con la Città Eterna in mano a prefetti e malavita, la tentazione del Kolossal in Cinemascope è troppo forte. Dopo il forestiero Vacanze Romane, potrebbe segnare il definitivo rilancio del cinema italiano.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento