06 Marzo 2021

Pubblicato il

Roma, Acca Larentia: Aggressione neofascista a 2 giornalisti Espresso

di Redazione

I giornalisti erano sul posto per documentare la manifestazione organizzata da "Avanguardia nazionale", movimento sciolto perché eversivo

Il 7 gennaio del 1978 a Roma fu eseguito un plurimomicidio a sfondo politico davanti la sede del Movimento Sociale Italiano, in via Acca Larentia, fu un vero e proprio agguato dove caddero uccisi due giovani attivisti del Fronte della Gioventù: Franco Bigonzetti e Francesco Ciavatta. Oggi pomeriggio durante la commemorazione delle vittime di quella strage tenutasi nel cimitero del Verano, il giornalista dell'Espresso Federico Marconi e il fotografo Paolo Marchetti sono stati aggrediti. 

Lo denuncia L'Espresso, in un servizio di Giovanni Tizian. "Tra gli assalitori – riferisce Tizian – c'era anche il capo romano di Forza Nuova Giuliano Castellino, che nonostante sia sottoposto al regime di sorveglianza speciale si trovava sul luogo infrangendo il divieto imposto.

Vuoi la tua pubblicità qui?

I neofascisti si sono ritrovati al cimitero romano perché qui c'è il mausoleo in memoria dei loro caduti. Alle 14.30 si erano riuniti membri del movimento neofascista Avanguardia Nazionale insieme a Forza Nuova e Fiamme Nere, per commemorare "tutti i camerati assassinati sulla via dell'onore". L'Espresso con estrema discrezione e rispetto per il luogo – il cimitero scelto dai neofascisti per la commemorazione – era sul posto per documentare una notizia: la manifestazione organizzata da un movimento, Avanguardia nazionale, già sciolto negli anni '70 perché eversivo.

Ma in Italia le cose funzionano così, la memoria è corta e anche Avanguardia può avere una seconda vita, e con arroganza ritagliarsi spazio nella galassia dell'estrema destra. Il leader che ha ricostituito Avanguardia è sempre Stefano Delle Chiaie, il maestro di moltissimi giovani neofascisti. E anche oggi, sebbene Delle Chiaie non fosse presente, c'erano alcuni grandi vecchi capi del movimento eversivo", scrive il giornalista dell'Espresso. (Rai/ Dire)  (Foto di repertorio)

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento