25 Ottobre 2021

Pubblicato il

Roma, ai domiciliari per stupro tenta di violentare prostituta

di Redazione
E' accaduto al Casilino: un 22enne egiziano con precedenti per violenza sessuale ha adescato su internet una prostituta, ferendola con un coltello

Ha chiesto una prestazione a domicilio telefonando ad una prostituta che reclamizzava la sua professione su un sito internet. Quando la donna si è presentata presso il suo domicilio, l’uomo, un cittadino egiziano di 22 anni, l’ha prima fatta entrare e poi sotto la minaccia di un coltello ha tentato di violentarla.

Vuoi la tua pubblicità qui?

È successo nella tarda serata di ieri nella zona del Casilino. Durante la colluttazione la straniera ha tentato di divincolarsi ma la maggior prestanza fisica del malvivente ha avuto la meglio. Riuscito a denudarla l’uomo ha iniziato a palpeggiarla nelle parti intime tentando di avere con lei  un rapporto sessuale completo.

Approfittando di un attimo di distrazione la ragazza ha tentato di raggiungere la porta d’ uscita ma è stata raggiunta, picchiata e poi ferita con due coltellate, una alla mano e l ‘altra alla gamba. Con la forza della disperazione, la donna è  riuscita farsi largo, ad aprire la porta e una volta in strada  ha chiesto aiuto ad un passante.

Dopo la segnalazione al numero unico di pronto intervento, sul posto sono intervenuti gli agenti del reparto volanti della Questura che, dopo aver ascoltato il racconto della donna, sono andati a casa dello straniero e lo hanno bloccato. Identificato per M.G.A., con precedenti di polizia e una misura degli arresti domiciliari in atto, proprio per il reato di violenza sessuale.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Soccorsa da personale del 118, la straniera è stata medicata in ospedale e refertata con molti giorni di prognosi a causa delle profonde ferite riportate, mentre l’uomo è stato accompagnato negli uffici del Commissariato Casilino. Arrestato con l’accusa di violenza sessuale e lesioni personali aggravate, l’egiziano è stato condotto in carcere in attesa di essere processato.

 

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo