Vuoi la tua pubblicità qui?
13 Maggio 2021

Pubblicato il

Roma, alla scuola Visconti vietato dare meno di 5 agli studenti

di Redazione

La decisione della preside l: "Un alunno valutato con un 2 o un 3 non ce la farà a recuperare, è provato"

Basta voti sotto al 5. E' la decisione presa dalla preside del pelsso "Viscontino" di Roma, cioè l'istituto che comprende elementari e medie della scuola al centro della Capitale e che confluisce poi nel prestigioso liceo "Ennio Quirino Visconti". Nella circolare mandata ai docenti, Rossana Piera Guglielmi ha spiegato che "non si può attribuire il voto corrispondente al 4/10 (o inferiore a questo) agli alunni di prima media". 

Vuoi la tua pubblicità qui?

Come riportato da "Repubblica", sono diverse le motivazioni che hanno spinto la preside a prendere una decisione che porterà sicuramente a far discutere. Molti insegnanti hanno contestato una perdita di meritocrazia in questa nuova gestione dei voti, in quanto discriminante per chi l'insufficienza minima se l'è meritata. Ma la Dirigente scolastica Guglielmi ha spiegato di aver visto "troppi studenti abbandonare la scuola per un 4 in pagella e che un alunno valutato con un 2 o un 3 non ce la farà a recuperare, è provato". Dunque, quel 5 stabilito a tavolino, il famoso voto politico, rappresenterebbe una sorta di incoraggiamento per gli studenti.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Perplesso il ministro dell'Istruzione, Marco Bussetti, che ha commentato la scelta definendola "un po' strana. Per legge – ha ricordato Bussetti – i voti vanno dall'1 al 10, ma comprendo che non è mai una cosa semplice ricevere una brutta valutazione". Il ministro ha quindi ricordato agli studenti che "il voto non è un giudizio sulla persona".

Vuoi la tua pubblicità qui?

LEGGI ANCHE:

Elezioni 2019: nel Lazio 152 Comuni saranno chiamati alle urne

Lazio, previsioni meteo per oggi 30 gennaio: possibili grandinate

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento