Vuoi la tua pubblicità qui?
28 Gennaio 2023

Pubblicato il

Preoccupante

Roma, assalto ai pronto soccorso: colpa di Covid e influenza. Siamo al collasso

di Morena Di Giulio
A rischio l'intero sistema dei pronto soccorso negli ospedali romani a causa dell'incremento esponenziale dei contagi da influenza e Covid
Pazienti in barella parcheggiati nel pronto soccorso di un ospedale

L’aumento dei casi di influenza australiana e il progredire dei casi di Covid stanno mandando in tilt i pronto soccorso degli ospedali di Roma.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Raggiunto dal Il Messaggero, anche Giulio Ricciuto, Presidente della Società italiana della medicina ammette: “Se si superano il tetto dei mille il Dea (Dipartimento di emergenza accettazione) salta”.

E con l’avvicinarsi dei giorni di festività, quando è normalmente più difficile trovare i medici in ambulatorio si prospettano giorni estremamente difficili per i medici impegnati nei pronto soccorso.

La prima giornata di grande difficoltà si è registrate nei giorni dell’Immacolata, quando i presidi ospedalieri sono stati presi d’assalto da pazienti costretti ad aspettare ore e ore prima di essere sottoposti a visita.

I numeri di accesso di questi giorni

numeri fanno paura. Negli ospedali di Roma e del Lazio si è arrivati a 931 utenti che stazionavano nei pronto soccorso. Una situazione che ha visto sovraffollati l’Umberto I, il Gemelli, il Pertini, il Sant’Andrea, e il San Camillo soprattutto a causa dell’aumento dei contagi dell’influenza.

Il picco massimo previsto a gennaio

La situazione, però, non ha neanche raggiunto il suo picco massimo, perché la vera emergenza in relazione alla previsione dei contagi è prevista a gennaio. E tutto questo con la presenza del Covid che continua a far registrare casi positivi.

A rendere la situazione più complessa, il fatto che non esistono più i reparti Covid e quindi diventa arduo per il personale sanitario trovare posti dove ospitare i positivi.

Serve personale, subito

Anche gli studi medici e pediatrici sono presi d’assalto dall’utenza preoccupata. La situazione è tale da aver indotto il presidente dell’Ordine dei medici di Roma, Antonio Maggi, a sollecitare l’Asl perché velocizzi l’affidamento degli incarichi. In poco tempo ci dovrebbero essere in servizio almeno 100 sanitari in più”.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo