27 Ottobre 2021

Pubblicato il

Roma, botte da orbi su un autobus al Prenestino: un arresto

di Redazione
La Polizia ha bloccato un 48enne romeno e denunciato 5 adolescenti egiziani. L'adulto ha aggredito anche gli agenti

Erano da poco passate le 16:30 del pomeriggio di ieri quando al 112 NUE sono arrivate più chiamate che segnalavano una rissa su un autobus in via Longoni, il cui autista era stato costretto a bloccare la vettura per consentire ai passeggeri di fuggire. Gli equipaggi della Polizia di Stato che sono stati inviati dalla sala operativa, giungendo sul posto, hanno incontrato alcune persone in fuga le quali, oltre a confermare quanto segnalato, hanno  aggiunto che i partecipanti alla rissa stavano distruggendo l’autobus e uno di loro aveva un coltello.

Una pattuglia del commissariato Prenestino bloccava 5 adolescenti, di cui uno con in mano la cinta dei pantaloni, che correvano lungo la via Prenestina. I ragazzi, tutti minorenni di nazionalità egiziana, corrispondevano perfettamente alle descrizioni date dai testimoni ed uno di loro era ferito ad una mano. 

Nello stesso momento la Volante 8 aveva fermato quella che poi risulterà essere la controparte nella rissa, ovvero P.A., cittadino romeno di 48 anni. L’uomo ha reagito violentemente al controllo degli agenti, colpendoli con calci e pugni e, solo con l’intervento delle autoradio dei commissariati San Basilio e Casilino, si è riusciti a bloccarlo definitivamente. P.A., nascosto nei pantaloni, aveva il coltello a serramanico con il quale aveva partecipato alla rissa e ferito l’adolescente. 

Vuoi la tua pubblicità qui?

Gli agenti, dopo aver ricostruito l’intera vicenda, anche grazie alle numerose testimonianze raccolte, hanno arrestato P.A. per rissa aggravata dall’uso delle armi, resistenza ed oltraggio a Pubblico Ufficiale e danneggiamento. I 5 ragazzi egiziani sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria minorile ed affidati a una casa famiglia della provincia.

 

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo