09 Agosto 2020

Pubblicato il

Roma, Conservatorio “Santa Cecilia” Giuliana Soscia Indo Jazz Project

di Redazione

Verranno eseguite musiche di Giuliana Soscia e un suo arrangiamento del brano Vaishnav Jana To Tene Kahiye

Roma, Conservatorio “Santa Cecilia” Giuliana Soscia Indo Jazz Project

Concerto di Giuliana Soscia presso la Sala Accademica del Conservatorio di Santa Cecilia di Roma

Il Conservatorio di Musica “Santa Cecilia” di Roma, con il sostegno del Progetto MIUR “Studi e ricerche sulle culture dell’Asia e dell’Africa” e ISMEO – Associazione Internazionale di Studi sul Mediterraneo e l’Oriente, presenta, sabato 14 settembre, ore 18,00, con ingresso gratuito, presso la Sala Accademica, il concerto di Giuliana Soscia Indo Jazz Project.

Con, Giuliana Soscia, direzione, pianoforte, composizioni, arrangiamenti

Mario Marzi / sax soprano, contralto e baritono, Paolo Innarella, flauto, bansuri, sax tenore, Rohan Dasgupta, sitar, Marco de Tilla, contrabbasso, Sanjay Kansa Banik, tabla.

Il concerto è in chiusura della Masterclass “L’arte dell’improvvisazione da Oriente ad Occidente Incredibile India the land of Gandhi” e della conferenza “Alziamo il volume”.

Verranno eseguite musiche di Giuliana Soscia e un suo arrangiamento del brano Vaishnav Jana To Tene Kahiye, con la partecipazione di Daniele Roccato e gli allievi della Masterclass, dedicato al 150° anniversario della nascita del Mahatma Gandhi.

Del brano, interpretato per questa ricorrenza in 124 paesi del mondo, per la prima volta sarà presentata anche la versione jazzistica.

Il Concerto sarà preceduto dalla presentazione del lavoro discografico Giuliana Soscia Indo Jazz Project, pubblicato nel 2018 per BAM International con il sostegno di ISMEO, nell’ambito della rassegna intitolata “Alziamo il Volume – Incontri con l’Autore, XI ciclo”, curata dal M° Carla Conti e Roberto Giuliani, Direttore del Conservatorio Santa Cecilia.

Con la partecipazione del Presidente ISMEO Adriano Rossi, Daniele Roccato e l’autrice.

Il programma del Concerto comprende tutti i brani pubblicati nel disco, definito dalla critica “The perfect blend of music & culture” (The Times of India, Kolkata, 2018-02-21).

Si tratta di un lavoro compositivo concepito come anello di congiunzione tra due mondi musicali, quello indiano e quello italiano, dei quali la compositrice coglie i punti caratterizzanti la profondità dei rispettivi messaggi e le atmosfere, in particolare utilizzando nella scrittura modi provenienti dalla tradizione indiana congiuntamente a forme musicali tipiche del jazz, nonché melodie tratte dal linguaggio musicale tipicamente italiano.

Fulcro della scrittura è la ciclicità di temi riecheggianti come mantra su ritmi e strutture jazzistici che influenzano e ispirano le improvvisazioni dei solisti indiani e italiani, ognuno secondo il proprio linguaggio musicale.

“Giuliana Soscia Indo Jazz Project” è un’idea del M° Soscia, apprezzatissima compositrice accostabile ai grandi nomi del jazz internazionale, direttrice d’orchestra jazz, pianista e fisarmonicista.

Il progetto è stato da lei ideato e maturato dopo un viaggio che l’aveva vista protagonista in concerto nei più importanti teatri dell’India, in occasione della Festa della Donna 2016, a seguito di un precedente suo progetto dedicato alle “Donne Compositrici nel Jazz”.

Il programma del concerto, interamente dedicato alla personale interpretazione della musica indiana di Giuliana Soscia, definita dalla critica “The perfect blend oj music & culture” (The Times Of India, Kolkata, 2018.2.21), è un lavoro compositivo concepito come anello di congiunzione tra due mondi musicali, quello indiano e quello italiano, dei quali la compositrice coglie i punti caratterizzanti la profondità dei rispettivi messaggi e le atmosfere, in particolare utilizzando nella scrittura modi provenienti dalla tradizione indiana congiuntamente a forme musicali tipiche del jazz, nonché melodie tratte dal linguaggio musicale italiano.

Fulcro della scrittura è la ciclicità di temi riecheggianti come mantra su ritmi e strutture jazzistici che influenzano e ispirano le improvvisazioni dei solisti indiani e italiani, ognuno secondo il proprio linguaggio musicale.

Giuliana Soscia in qualità di pianista e compositrice, dirige un ensemble di artisti di grande spessore artistico, provenienti da mondi musicali diversi, come quello classico e il jazzistico, e da culture diverse, l’italiana e l’indiana, caratterizzate dal comune amore per le rispettive tradizioni musicali.

“Giuliana Soscia Indo Jazz Project” ha aperto le Celebrazioni dei 70 anni di Relazioni Diplomatiche tra Italia e India, con tre acclamatissimi concerti nel febbraio 2018, presso “The India Council for Cultural Relations” di Kolkata, “India Habitat Centre, Stein Auditorium” di New Delhi e nell’ambito del Festival “16th East West Music & Dance Encounters from Feb. 4-18, 2018” a Bangalore, tour promosso dall’Ambasciata d’Italia in India, dal Consolato Generale d’Italia di Mumbai e di Calcutta, dagli Istituti Italiani di Cultura di New Delhi e Mumbai;in Italia, lo scorso 19 marzo 2018, presso l’Auditorium Parco della Musica, promosso dall’Ambasciata della Repubblica dell’India a Roma e ISMEO – Associazione Internazionale di Studi sul Mediterraneo e l’Oriente.

Il 7 luglio 2018 presso il Castello Caetani di Sermoneta nell’ambito del 54° Festival Pontino di Musica con il Patrocinio dell’Ambasciata della Repubblica dell’India a Roma.

Il 15 dicembre 2018 presso l’Università della Tuscia di Viterbo nell’ambito della XIV Stagione Concertistica pubblica con il patrocinio dell’Ambasciata d’India in Roma e il contributo di ISMEO/Progetto MIUR “Studi e ricerche sulle culture dell’Asia e dell’Africa: tradizione e continuità, rivitalizzazione e divulgazione”.

Il 30 novembre 2018 è stato pubblicato il CD “Giuliana Soscia Indo Jazz Project” per la BAM International e ISMEO, presentato su Rai Radio Tre Suite, La stanza della musica, con un concerto in diretta radiofonica.

Conservatorio “Santa Cecilia” di Roma

Sala Accademica, Via dei Greci 18, Roma

INGRESSO GRATUITO

UFFICIO STAMPA: Maurizio Quattrini

 

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento

Condividi