Vuoi la tua pubblicità qui?
02 Agosto 2021

Pubblicato il

Roma, Continua la vergogna del GRA al buio

di Redazione
Sicurezza degli automobilisti ancora a rischio

La questione è vecchia di mesi. Percorrere il GRA di Roma, continua ad essere un’esperienza avventurosa. Unica in Europa, continua a fare il pieno di visitatori che accorrono da tutta la città, e non solo, per immergersi nel regno della fantasia..

Vuoi la tua pubblicità qui?

Quasi fosse una specie di Gardaland all’amatriciana, una volta imboccato il GRA  si prosegue a passo d’uomo, ostinatamente in fila, pressoché tutto il giorno tra popcorn, facebook e chat varie che allentano la tensione per l’attrazione successiva, quella più pericolosa…

Vuoi la tua pubblicità qui?

“Il salto nel buio” è un brevetto che, finalmente e dopo anni di trattative, è stato inaugurato lungo ampi tratti del caro, vecchio GRA. Grazie alla competenza di tecnici specializzati nel furto di rame e materiali affini, si è giunti al giorno dell’inaugurazione della splendida e avventurosa attrazione. Lontano dai clamori mediatici che avrebbero potuto distogliere il pubblico dall’opera ludica, la cerimonia inaugurale si è tenuta in forma riservata. Successivamente e soltanto a fari accesi e lampioni rigorosamente spenti, è avvenuto il tradizionale taglio del nastro del tragitto sperimentale “Uscita Roma Napoli/Nomentana” tra mille perplessità.

“Piacerà.. non piacerà..”. I pareri, nonostante i furti di rame proseguissero allontanando gufi e civette, erano discordanti. Soltanto il pubblico avrebbe potuto determinare il successo o meno dell’opera. Fortunatamente quel successo tanto bramato sarebbe arrivato all’istante. Già dopo i primi giorni di rappresentazione gli automobilisti si erano detti soddisfatti di partecipare alla nuova avventura. Un'autostrada cittadina come il GRA, infatti, di notte e con i lampioni spenti per chilometri regalava sensazioni forti, soprattutto, e qui scatta il bonus, in caso di guasti alla vettura o di gomma a terra. La possibilità di rimanere al buio, praticamente invisibili agli altri concorrenti che sfrecciano ad un metro e a cento all’ora non è qualcosa che capita tutti i giorni.

Settimana dopo settimana le repliche del GRA al buio proseguono ancora oggi e con le giornate che si accorciano, la durata dell’evento si preannuncia più accattivante e temeraria. Niente a che vedere con i parchi milanesi o del nord Europa. Nemmeno il bellissimo “Sacro GRA” di Gianfranco Rosi può scalfire la nuova immagine misteriosa del raccordo cittadino più tenebroso d’Europa.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento