Vuoi la tua pubblicità qui?
12 Giugno 2021

Pubblicato il

Viaggi infernali

Roma, lite sul bus: 18enne prende a pugni il divisorio del conducente

di Redazione

Roma, lite sul bus finisce in commissariato: un 18enne ha sferrato un pugno contro il divisorio del conducente che ha chiamato la polizia e lo ha denunciato

Autobus affollati
Autobus affollati nei giorni del distanziamento sociale

Lite sul bus finita con una denuncia. Salire sui mezzi pubblici a Roma è spesso un’impresa, restarci illesi, anche. La drammatica parentesi della pandemia da Sars-Cov-2 ha sospeso il problema solo per alcune settimane. Sovraffollamento, insulti, perfino minacce sono quasi all’ordine del giorno per i conducenti dei mezzi pubblici.

Questa volta è accaduto con delle conseguenze legali per un giovane. Una discussione sul bus per futili motivi, culminata con un pugno sul divisorio in plexiglass della cabina dell’autista. Per questo un 18enne è stato denunciato dalla Polizia per interruzione di pubblico servizio.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Lite sul bus: denunciato 18enne

È accaduto ieri, 16 giugno, alle 21.20 in zona Casilina, sul bus 040, dove il giovane, per motivi in via di accertamento, ha iniziato a discutere con l’autista del mezzo fino a sferrare un pugno sulla barriera divisoria. A chiamare il 112 e’ stato il conducente, temendo il peggio. Sul posto i poliziotti del commissariato Casilino che hanno bloccato il ragazzo e lo hanno denunciato. Il bus e’ arrivato a destinazione con 45 minuti di ritardo.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Domani, giovedì 18 giugno il trasporto pubblico a rischio per 4 ore, dalle 20 alle 24. La causa è la protesta nazionale indetta dal sindacato Usb. Lo scioperò coinvolgerà la rete Atac (bus, tram, metropolitane, ferrovie Roma-Lido, Roma-Civitacastellana-Viterbo, Termini-Centocelle) e i bus periferici gestiti dalla Roma Tpl. Lo sciopero riguarderà anche Cotral.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento