Vuoi la tua pubblicità qui?
29 Novembre 2022

Pubblicato il

Le richieste dei lavoratori

Roma, lunedì 13 sciopero Ama rifiuti: fermo anche il settore funerario

di Redazione
I lavoratori del settore pulizia ambientale e decoro cittadino chiedono il rinnovo del contratto nazionale
mezzo dell'ama
Automezzo Ama

Roma, indetto sciopero Ama in data 13 dicembre.

Le organizzazioni sindacali nazionali Fp-Cgil, Fit-Cisl, Uil-Trasporti e Fiadel del comparto pubblico e privato di igiene ambientale “hanno indetto uno sciopero per l’intera giornata di lunedì 13 dicembre”.

Lo comunica Ama in una nota. “In base a quanto prescritto dalla legge 146/90 e dai relativi accordi sottoscritti con i Sindacati, Ama Spa ha attivato le procedure tese ad assicurare durante lo sciopero i servizi minimi essenziali e le prestazioni indispensabili: pronto intervento; raccolta rifiuti prodotti da Case di cura, Ospedali, Caserme, ecc. Assicurata anche la pulizia, compreso lo svuotamento dei cestini, di alcune aree di interesse turistico-artistico e museale del Centro Storico.

E’ interessato dallo sciopero, con le stesse modalità, anche il settore funerario, limitatamente ai lavoratori a cui si applica il Ccnl del comparto di igiene ambientale. Anche in questo caso saranno comunque garantiti i servizi minimi essenziali”.

Le motivazioni dello sciopero Ama Roma

Sono più di due anni che a questi lavoratori non viene rinnovato il contratto collettivo nazionale – dichiara Giancarlo Cenciarelli, segretario generale Cgil funzione pubblica Roma e Lazio.

“sono lavoratori che garantiscono un servizio pubblico indispensabile per la tenuta della nostra società, e che in questi mesi di pandemia non si sono mai fermati. Come ringraziamento le associazioni datoriali ci hanno fatto delle proposte irricevibili: meno diritti, meno soldi, meno partecipazione dei lavoratori ai processi decisionali”.

Per quanto riguarda la gestione dei rifiuti della capitale, inoltre, i sindacati denunciano l’imminente ingresso dei privati nel settore.

“A Roma si parla della fusione tra Ama, la partecipata dell’Ambiente, e Acea, la ex municipalizzata di acqua ed elettricità che ha fatto scuola in tema di privatizzazioni.

L’esempio a cui si guarda è quello di Hera, la multiutility dell’Emilia Romagna che si occupa di acqua gas raccolta e smaltimento rifiuti in mano ai privati per il 40%”. Lo aveva dichiarato a la Repubblica esattamente il mese scorso, in occasione dello sciopero dell’8 novembre.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo

Vuoi la tua pubblicità qui?