Vuoi la tua pubblicità qui?
24 Novembre 2020

Pubblicato il

Roma, maltrattamento di animali

di Redazione

Una donna è stata denunciata all'Autorità Giudiziaria. Rischia 18 mesi

Ennesimo intervento delle Guardie Zoofile dell'Enpa di Roma contro lo sfruttamento di animali per l'accattonaggio.

Questa volta gli agenti della Protezione Animali sono intervenuti a Fontana di Trevi, nel cuore di Roma, dove da diversi giorni una donna praticava l'accattonaggio facendo esibire due piccoli pappagallini ondulati.
Successivamente al sequestro degli animaletti, questi sono stati sottoposti ad un controllo veterinario, durante il quale è emerso il taglio delle penne remiganti per impedirne il volo.

Gli agenti hanno così denunciato la donna all'Autorità Giudiziaria per maltrattamento di animali e rischia fino a 18 mesi di reclusione.

La pratica dell'accattonaggio con animali, infatti, nel Comune di Roma è vietata dal 1997 da un'ordinanza sindacale divieto poi recepito dal regolamento comunale a tutela degli animali approvato nel 2005.

Vuoi la tua pubblicità qui?

"I poveri animali – spiega la nota dell'Enpa – vengono usati per intenerire i passanti, che inconsapevoli di alimentare uno sfruttamento, lasciano la moneta all'aguzzino di turno. Gli animali, spesso cuccioli di cane e gatto ma anche uccelli, una volta non più funzionali all'accattonaggio, hanno anche un futuro incerto, per questo l'Enpa rivolge un appello ai cittadini affinché non contribuiscano a questa pratica illegale lasciando denaro".

I pappagallini sono ora al sicuro, presi in custodia all'Enpa di Roma.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento