Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
25 Gennaio 2022

Pubblicato il

Salta il Concertone

Roma, niente concertone di Capodanno: annullato l’evento al Circo Massimo

di Matteo Frascadore
Salta il concertone di Capodanno al Circo Massimo. Motivo? Evitare assembramenti. Onorato: "Priorità è salute dei romani"

Niente concertone di Capodanno al Circo Massimo. L’intento dell’amministrazione è quello di non provocare degli assembramenti. Ne ha parlato in una nota l’Assessore Alessandro Onorato: “Era tutto pronto per celebrare il Capodanno in grande stile e riportare Roma al centro dei grandi eventi. Avevamo scelto per la ripartenza alcuni grandi artisti romani, una location spettacolare come il Circo Massimo e un’organizzazione impeccabile per la sicurezza“.

I grandi nomi del concertone

Sarebbero stati diversi i nomi importanti nel panorama musicale: “Coez, Blanco e Tommaso Paradiso avrebbero garantito una grande partecipazione di pubblico e l’interesse di tutti i media nazionaliMa in questo momento la nostra priorità è quella di salvaguardare la salute dei romani ed evitare assembramenti che possono aggravare una situazione pandemica che, pur sotto controllo, presenta aspetti preoccupanti” ha continuato Onorato.

Vuoi la tua pubblicità qui?

“Ci muoveremo appena la situazione lo consentirà”

In questo momento – conclude l’Assessore – non possiamo che anteporre la salute di tutti a un’opportunità importante di ripartenza che sono convinto non tarderà ad arrivare. Appena la situazione lo consentirà ci muoveremo immediatamente per far tornare Roma a essere il palcoscenico più importante del nostro Paese per i grandi eventi di spettacolo“. Onorato aveva chiamato in causa le autorità prima di giungere a questa conclusione. Il concerto non ci sarà per il secondo anno consecutivo, dopo la grande festa che ci fu per il Capodanno 2020.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo