Vuoi la tua pubblicità qui?
18 Maggio 2021

Pubblicato il

Roma, omicidio a San Lorenzo: rintracciati i colpevoli

di Redazione

Lo scorso 6 novembre il 49enne Oliver Degenhardt ucciso da tre romeni di 23, 26 e 28 anni. Arrestato anche il padre di uno dei tre per favoreggiamento

Grazie alle stringenti indagini dei Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Roma e alla cooperazione internazionale, in particolare con le forze di polizia di Romania e Norvegia, è stato possibile individuare rapidamente ed arrestare i 3 autori dell’omicidio del manager tedesco 49enne Oliver Degenhardt, ucciso nella sua abitazione romana del quartiere San Lorenzo, nella tarda serata del 6 novembre scorso. Anche un quarto uomo è stato arrestato, per favoreggiamento e ricettazione.

Si tratta di tre cittadini romeni di 23, 26 e 28 anni, fuggiti dall’Italia subito dopo il delitto, e di un 44enne, padre di uno dei tre, artista di strada, rintracciato dai Carabinieri a Roma, in un rifugio di fortuna lungo le rive del Tevere, luogo in cui sono stati trovati alcuni oggetti della vittima, asportati dopo l’omicidio. Il manager tedesco, fu trovato morto – con un taglio alla gola e ferite alla testa inferte con un corpo contundente – dai vigili del fuoco intervenuti per spegnere un incendio che aveva gravemente danneggiato l’abitazione, appiccato dagli assassini al fine di cancellare le loro tracce.

Dall’appartamento devastato mancavano alcuni oggetti di valore appartenuti alla vittima. La pista investigativa seguita, dalle indagini dei Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma condotte attraverso complesse attività tecniche e scientifiche, ha permesso al Gip presso il Tribunale di Roma, su richiesta del Pubblico Ministero Giovanni Musarò, di emettere un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti dei responsabili che sono stati tutti catturati, due in Romania e uno in Norvegia.

Vuoi la tua pubblicità qui?

                                                           AGGIORNAMENTO: I DETTAGLI DELLA CONFERENZA STAMPA

I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma hanno arrestato, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP presso il Tribunale di Roma, Dott. Nicola Di Grazia, su richiesta del Sostituto Procuratore Giovanni Musarò della Procura della Repubblica di Roma, quattro cittadini rumeni, coinvolti, a vario titolo, nell’omicidio del manager tedesco cinquantenne DEGENHARDT Oliver, assassinato lo scorso 7 novembre all’interno del suo appartamento in via dei Volsci nel quartiere romano di San Lorenzo. A conclusione delle ininterrotte e articolate indagini, con la fattiva collaborazione del collaterale organo di polizia romena, attivato dal Nucleo Investigativo di Via In Selci attraverso il Servizio di Cooperazione Internazionale delle Forze di Polizia (Interpol), sono stati rintracciati, in Romania Dragan Laurentiu Madalin (cl. 1989) e Zamfir Sebastian Marcel (cl. 1987), in Norvegia Andronache Costantin Cristinel (cl. 1992), tutti destinatari di un mandato di arresto europeo e ritenuti gli autori materiali del delitto. A Roma è stato arrestato Dragan Ionel (cl. 1971), padre di Laurentiu Madalin, ritenuto responsabile della ricettazione di alcuni oggetti, in parte recuperati, sottratti nel corso della rapina culminata nell’omicidio.

La misura cautelare è stata emessa a seguito delle risultanze investigative acquisite dai Carabinieri di via In Selci attraverso l’acquisizione di numerose testimonianze, la complessa analisi di migliaia di tabulati telefonici, l’immediata intercettazione delle comunicazioni degli indagati, la cui identificazione è stata favorita anche dalla preziosa collaborazione della polizia romena, la visione delle immagini registrate da decine di sistemi di video-sorveglianza, gli esiti degli accertamenti dattiloscopici eseguiti dal R.I.S. CC di Roma e l’analisi dei profili degli indagati presenti sui social network. Il giorno successivo all’omicidio di DEGENHARDT Oliver, DRAGAN Madalin, ZAMFIR e ANDRONACHE si sono immediatamente allontanati dal territorio nazionale con un pullman. Il rintraccio del citato DRAGAN, catturato a Buzau, è stato favorito dall’ascolto di alcune comunicazioni telefoniche che, valutate alla luce di alcune informazioni contenute sul profilo facebook dell’indagato, hanno consentito di individuare il soggetto da cui aveva trovato ospitalità, tempestivamente identificato e localizzato dalla polizia romena. Contestualmente, a Roma, i militari del Comando Provinciale di Roma hanno arrestato DRAGAN Ionel, artista di strada, rintracciato nell’insediamento abusivo ubicato sulle sponde del Tevere dove dimorava. Nel corso della perquisizione domiciliare, sono rinvenuti alcuni degli oggetti asportati nel corso della rapina culminata nell’omicidio del manager tedesco.

Pochi giorni dopo, il collaterale romeno ha rintracciato e tratto in arresto ZAMFIR  Sebastian nella città di Galati dove era stato localizzato grazie alle informazioni acquisite dalla polizia romena a seguito dell’arresto di DRAGAN. Il monitoraggio delle comunicazioni della cerchia relazionale di ANDRONACHE, la cui identificazione è stata consentita attraverso gli accertamenti dattiloscopici del RIS CC Roma, ha consentito di localizzarlo in Norvegia dove, nella città di Ski. Le indagini eseguite dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma hanno chiarito che nella tarda serata del 6 novembre scorso, i tre autori dell’omicidio, dopo essersi accordati con la vittima per un incontro ludico, a scopo di rapina, lo aggredivano colpendolo con calci e pugni, sino a cagionarne la morte, sottraendo dall’appartamento numerosi oggetti e incendiando l’abitazione prima di darsi alla fuga.

Vuoi la tua pubblicità qui?

 

 

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento