20 Ottobre 2021

Pubblicato il

Roma, Polizia contro spaccio di droga: 4 arresti in poche ore

di Redazione
I luoghi degli arresti sono: Torre Angela, Conca D'oro, Piazza Vittorio e Tor Sapienza

4 pusher in poche ore arrestati praticamente in simultanea dalla Polizia di Stato in 4 diversi quartiere della capitale. K.L., 30enne originario del Gambia, aveva scelto un’area giochi per bambini di un parco di Torre Angela per incontrare i suoi clienti; gli agenti del commissariato Casilino, confusi tra i genitori a spasso con i figli, hanno assistito ad uno scambio droga/soldi. Quando i poliziotti si sono palesati al pusher, quest’ultimo, spintonando uno degli operatori, ha provato a fuggire.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La fuga è durata poche centinai di metri: l’autista dell’auto civetta lo ha bloccato appena fuori dal parco. In un pacchetto di sigarette il gambiano nascondeva 10 dosi di eroina, mentre, nella sua abitazione, è stata sequestrata l’attrezzatura per il confezionamento dello stupefacente.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Continuano gli arresti della squadra di Polizia Giudiziaria del commissariato Porta Pia, specializzata nel “catturare” gli spacciatori della linea “metro B”; J.L., gambiano di 28 anni, aveva appena ceduto alcune dosi di eroina a 2 tossicodipendenti nei pressi della fermata Conca D’oro quando è stato fermato dagli uomini della dottoressa  Stefania D’Andrea. In tasca, oltre ai soldi della vendita, altre 3 dosi di eroina pronte per essere cedute.

P.J, 43enne bahamense, è finito in manette per aver spacciato, dopo una lunga trattativa, eroina ad un tossicodipendente marocchino a piazza Vittorio. La cessione è avvenuta sotto lo sguardo attento degli investigatori del commissariato Esquilino che hanno bloccato cedente ed acquirente; quest’ultimo aveva ancora in mano la dose di eroina.

Gli agenti del commissariato Prenestino, venuti a conoscenza che P.S. , 44enne romano già noto alle forze dell’ordine, vendeva cocaina in maniera sistematica e continuativa, lo hanno aspettato mentre andava ad apporre la firma giornaliera impostagli recentemente dal Tribunale. L’uomo, nella sua abitazione, nascondeva 46 dosi di stupefacente, bustine di cellophane e l’immancabile bilancino elettronico. P.S., questa mattina, insieme agli altri 3 pusher  arrestati nelle stesse ore, verrà giudicato  nelle aule del Tribunale di Roma.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo