27 Febbraio 2021

Pubblicato il

Roma, provoca incidente e tenta fuga tentando di salire su un’altra auto

di Redazione

E'accaduto a Sant'Angelo Romano: un 33enne di Roma in stato di ebbrezza ha tamponato violentemente un'auto

I Carabinieri della Tenenza di Guidonia Montecelio, coordinati dalla Procura della Repubblica, hanno arrestato un romano di 33 anni con le accuse di violenza privata, guida in stato di ebbrezza, fuga in caso di incidente con danni alle persone e omissione di soccorso. L’uomo si trovava alla guida della propria auto in via Palombarese, nel Comune di Sant’Angelo Romano, quando ha violentemente tamponato un’altra auto facendola finire fuori strada.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Dopo l’incidente, il 33enne ha abbandonato il veicolo su cui viaggiava e si è allontanato dal luogo del sinistro senza prestare soccorso alle persone coinvolte. Non solo, l’uomo ha tentato di entrare con la forza nell’abitacolo di un altro automobilista in transito, per costringerlo a farsi accompagnare a casa della fidanzata.

Il malcapitato è riuscito a respingere l’esagitato e a dare l’allarme al 112, consentendo ai Carabinieri della Tenenza di Guidonia di bloccare il 33enne che, in stato confusionale, stava camminando lungo la strada. Sottoposto agli esami di rito, l’uomo è risultato positivo all’alcol test con un tasso alcolemico pari a 2,30 g/l. Le vittime del tamponamento, trasportate all’ospedale di Tivoli, sono state dimesse con 5 giorni di prognosi mentre il “pirata” della strada è stato trattenuto in caserma in attesa di essere sottoposto al rito direttissimo.

PIRATA DELLA STRADA INVESTE BAMBINO DI 10 ANNI: SALVO I fatti a Roma, nel quartiere Primavalle: Polizia di Stato, grazie ad alcuni testimoni è riuscita a risalire alla targa dell'auto (26/10/2016)

RIETI, INVESTE PASSANTE E SCAPPA: IL COLPEVOLE E' UN 22ENNE Il ragazzo, italiano, ha confessato di essersi fatto prendere dal panico e di essere fuggito senza soccorrere la vittima (24/01/2017)

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento