01 Marzo 2021

Pubblicato il

Roma, Raggi presenta “Gaia” la macchina mangiaplastica nella metro Malatesta

di Redazione

L'iniziativa con Atac unisce educazione ambientale e civica e sconti sui trasporti

Con un radioso sorriso, ieri 19 febbraio, il sindaco Virginia Raggi ha inaugurato "Gaia", dal nome del nostro pianeta, la nuova macchina mangiaplastica alla stazione della metro C Malatesta. Gaia avrà una capienza di 1800 bottiglie e presto ce ne sarà un'altra alla stazione Anagnina. Entro marzo sarannno otto le fermate munite di questo servizio: Laurentina capolina della metro B, Basilica San Paolo sempre sulla meto B, Termini, nodo cruciale dei trasporti romani. E ancora San Giovanni metro C, Piramide sulla linea B e Cipro nel percorso della metro A. Per dare a tutti la possibilità di provare questa esperienza e di riceverne i vantaggi, le macchinette avranno per ora un limite di trenta inserimenti al giorno. 

Durante la cerimonia di presentazione della macchina c'è stato un momento in cui la macchina sembrava dare forfait: qualche secondo di imbarazzo, alcune risate, poi si è sboloccata ed è stato spiegato che la breve interruzione del funzionamento era dovuto alla presenza di acqua nella bottiglietta. Ricordiamo dunque che non deve esserci acqua all'interno della bottiglia, per evitare figuracce e malfunzionamenti. 

La campagna "+ricicli +viaggi" era stata lanciata lo scorso luglio insieme ad Atac e ha portato risultati ottimi: oltre 2,8 milioni di bottigle di plastica riciclate in soli sette mesi grazie a questi dispositivi che "ingeriscono" gli scarti della nostra sete frettolosa quando siamo in giro per la città. 

L'iniziativa consente ai viaggiatori di avere riduzioni sui biglietti per il bus, tram e metro, anche gratis semplicemente comportandosi in modo rispettoso per l'ambiente e del decoro urbano. 

Leggi anche: 

Vuoi la tua pubblicità qui?

Mazzano Romano, sei coltellate allo stomaco per punire la rivale in amore

Tivoli, si masturba al passaggio di una studentessa: denunciato 55enne

 

Vuoi la tua pubblicità qui?

 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento