Vuoi la tua pubblicità qui?
26 Novembre 2022

Pubblicato il

Morsa letale

Roma, ragno violino: farmacie lanciano allarme per aumento casi

di Cristina Accardi
A Roma aumentano i casi di pazienti colpiti dal morso del ragno violino. Le zone maggiormente coinvolte sono Laurentino e Portuense
Ragno violino

Attenzione al ragno violino. Parte l’allarme dalle farmacie di Roma, dato che ieri, martedì 4 ottobre, in poche ore i casi sono aumentati smisuratamente. Le zone attualmente nel romano coinvolte, in cui si sono presentati più casi, sono quelle tra il Laurentino e il Portuense

Già precedentemente era stata avvertita tutta la cittadinanza della presenza di questo insetto apparentemente innocuo, ma a volte perfino rivelatosi mortale. 

Ragno violino: prurito, dolore, pus e piaghe

Il ragno violino è un aracnoide dalle dimensioni medio-grandi, che può andare dai 7 fino a raggiungere i 9 millimetri. Il suo colore è marroncino-giallastro. Inizialmente la sua puntura sembra asintomatica, tuttavia, dopo poche ore comincia a mostrare i primi sintomi. Nelle prime 24-36 ore il morso comincia a pizzicare e il paziente inizia a percepire dolore nella zona coinvolta. Successivamente, come testimonia Roberto Adrower farmacista di via Fuggetta a Villa Bonelli, si apre una piaga con pus e sangue. 

I pazienti vengono da noi, dopo aver avuto dal medico curante la certificazione di puntura da ragno violino, perché devono assumere antibiotici e cortisonici”. È importante alzare l’attenzione, ma soprattutto “bisognerebbe controllare le aree verdi pubbliche e private: tutti i pazienti ci dicono infatti di essere stati punti all’aperto, in zona come Laurentina e Portuense. Uno di loro addirittura sul naso ed ora presenta seri fastidi. Mai visto niente di simile”, conclude Adrower. 

Anche il comune ha provveduto a muoversi per risolvere la situazione. Infatti, il consigliere di Fratelli d’Italia Marco Palma del Municipio XI ha “inviato una formale richiesta di intervento sia all’Ama e che al dipartimento ambiente di Roma Capitale per una verifica rispetto alla situazione attuale e sullle attività di prevenzione da mettere in campo”. Inoltre, Palma ha affermato di voler approdondire “le motivazione per le quali, pur avendo gli strumenti necessari per le attività di bonifica e smaltimento, l’Ama non abbia più le competenze per attuare interventi simili”. 

Dato l’allarme delle farmacie di quartiere che hanno già contato 5 casi in pochi giorni, è stato richiesto “un immediato intervento nei giardini, aree verdi pubbliche e dei plessi scolastici del territorio. La situazione va tenuta sotto controllo”.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo

Vuoi la tua pubblicità qui?