24 Ottobre 2021

Pubblicato il

Roma, rapina farmacia: la furia del malvivente arrestato

di Redazione
Il 42enne pregiudicato di Vigne Nuove Giovanni Castorina era pronto a tutto, come dimostrato dal ferimento del maresciallo Alessandro Catena

A quanto pare era pronto a tutto, tanto è vero che alla vista dei Carabinieri anziché giungere a miti consigli ha intrapreso il conflitto a fuoco con due carabinieri, ormai salito alla ribalta delle cronache nazionali. Giungono ulteriori e inquietanti particolari sulla sparatoria avvenuta ieri presso la farmacia Florio di via Radicofani a Fidene, peraltro non nuova nell'incorrere in episodi del genere. Innanzitutto sono stati resi noti i nomi del carabiniere ferito e del malvivente.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il militare è il maresciallo Alessandro Catena della stazione di Fidene, ricoverato in gravi condizioni al policlinico Umberto I per le ferite riportate alle braccia e alle gambe. Per fortuna l'uomo non è in pericolo di vita e le sue condizioni sono in miglioramento. Il ladro, invece, è il 42enne Giovanni Castorina, pregiudicato di Vigne Nuove, anche lui ricoverato all'Umberto I, dove si trova piantonato. L'uomo era uscito dal carcere lo scorso aprile e a suo carico vi sarebbero vari precedenti per rapine e furti. Evidentemente, l'uomo intendeva riprendere il discorso interrotto durante la detenzione, seminando il panico nella zona. Poco prima del colpo fallito in via Radicofani – scrive il sito Roma Today – Castorina aveva infatti rapinato la farmacia Celani in via Isole Curzolane, in zona Tufello, riuscendo a portare via denaro che ammonterebbe ad alcune centinaia di euro. Una furia ceca e inarrestabile la sua, che a bordo del suo scooter si è diretto in via Radicofani alla ricerca di una nuova farmacia dal quale prelevare denaro.

Le testimonianze giunte raccontano di un uomo pronto a tutto e disposto a non fermarsi davanti a nulla, né davanti ai clienti, tra i quali vi era anche un bambino, né davanti ai carabinieri. Il maresciallo Catena e la collega lo hanno invitato a gettare la pistola con la quale stava minacciando i presenti. Ma invece di colpire ha iniziato a sparare all'impazzata una quindicina di colpi, ferendo il maresciallo e di striscio anche un cliente di 80 anni. La collega è stata pronta e lucida nel non perdere la calma nel vedere Catena ferito e a estrarre a sua volta la pistola, con la quale ha ferito Castorina, ferito anche egli. Una vicenda surreale e assai pericolosa, dalle conseguenze serie ma che, vista la piega assunta dagli eventi, avrebbe potuto anche finire in tragedia.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo