Vuoi la tua pubblicità qui?
03 Dicembre 2021

Pubblicato il

Sicurezza

Roma, rifiuti. Scorta ai dipendenti Ama per l’ira dei cittadini

di Cristina Accardi
L'emergenza rifiuti fa aumentare la furia dei cittadini. Primo capro espiatorio sono i dipendenti Ama che vengono aggrediti e minacciati verbalmente
Rifiuti

Roma è invasa dai rifiuti: montagne di sacchi di spazzatura, rifiuti ingombranti e sporcizia sono presenti tra le vie della città.

Lo stato d’emergenza, però, fa aumentare anche il malcontento dei cittadini e a subirne l’ira sono i lavoratori dell’Ama, considerati il primo capro espiatorio di questo disagio. Infatti, come afferma Alessandro Bonfigli, segretario regionale di Uiltrasporti, “gli operatori Ama che raccolgono i rifiuti devono essere protetti e tutelati, se necessario anche dalla polizia locale. C’è troppa tensione in giro soprattutto nel quadrante est”.

Le aggressioni verbali a Magliana e Pietravalle nelle settimane precedenti e poi la protesta di rivolta, dove nei pressi di via Pisino e via Cherso erano stati rovesciati i rifiuti da parte dei cittadini, ha messo in allerta il presidente del municipio V Mauro Caliste. Un intervento delle forze dell’ordine ormai sembra inevitabile.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Molti operatori sono in stato di allerta, girano con i cellulari pronti a filmare in caso di aggressioni, devono essere protetti anche dalla polizia locale o da funzionari Ama che sono pubblici ufficiali. Chiediamo di avviare l’Ama di quartiere perché ogni municipio ha caratteristiche specifiche, e dare garanzie e incentivi con il rinnovo il contratto. Ma adesso la protezione agli operatori su strada serve soprattutto nei quartieri dove l’emergenza è più forte come Villa Gordiani, Tor de Schiavi, Collatino dove c’è via Pisino, ma anche il quadrante est e Massimina, Casalotti, fino a Ponte Galeria” sottolinea Bonfigli.

Camion inutilizzabili per mancata manutenzione

Secondo ciò che riporta il quotidiano Il Giornale, in base agli ultimi report rilasciati dalla Uiltrasporti sarebbero 1300 su 2500 i mezzi funzionanti dell’azienda Ama. Di questi 19 camion VC su 29 sarebbero inutilizzabili per mancata manutenzione e 16 su 33 dei semirimorchi in dotazione nella zona sud-est sarebbero fuori servizio. Dunque, come anche afferma il sindaco Gualtieri, soltanto il 40% dei mezzi sono utilizzabili. Dei dati davvero preoccupanti.

Tuttavia, oltre al problema dei mezzi esiste anche quello delle discariche, infatti, alcuni camion si ritrovano a dover attendere tempistiche molto lunghe davanti alle discariche. Questo contribuisce a rallentare il servizio e aumentare il disservizio.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Cerca di tranquillizzare gli animi l’assessore Sabrina Alfonsi, che sul giornale La Repubblica dichiara che l’“Ama ha richiamato le imprese esterne che fanno la manutenzione e chiesto la calendarizzazione delle riparazioni: nelle prossime settimane dovrebbero rientrare quasi 100 mezzi. Stanno per essere messi in strada altri squaletti e da martedì prossimo verrà riattivato parte del trasbordo a Saxa Rubra dove verranno portate 100 tonnellate di rifiuti”.

La pulizia da straordinaria deve diventare ordinaria. I soldi servono per interventi integrati: non solo la raccolta dei sacchetti, ma la pulizia delle caditoie e lo spazzamento delle foglie. Oggi c’è una situazione di sofferenza dovuta all’immondizia per strada e non si riesce a cogliere l’effetto delle altre attività che vanno avanti” conclude Alfonsi.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo

Vuoi la tua pubblicità qui?