Vuoi la tua pubblicità qui?
16 Maggio 2021

Pubblicato il

Roma, sgominata gang dei furti in villa: “In Italia si ruba…”

di Redazione

Così parlava il capo della banda romena: "Porta lo spray al peperoncino, con quello entri pure nella casa di Berlusconi"

"Vieni qui, sei in Italia e non in Romania. Qui si ruba". E poi: "Se ti prendono in Romania, ti danno sette o otto anni per una tuta da ginnastica, in Italia è diverso. Aspetta le prime piogge e raggiungimi, ti dico io dove rubare. Porta lo spry al peperoncino, con quello addormenti i cani e entri pure nella casa di Berlusconi!" Cosi parlava al telefono il capo della banda romena , soprannominato "Il mafioso",  responsabile delle razzie nelle ville dei quartieri bene di Roma sud, nel triangolo tra l’Eur, Casalpalocco e l’Axa.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Ed è grazie alle intercettazioni, nelle quali si è potuto appurare che "Il mafioso" e i suoi scagnozzi cercavano di convincere i loro connazionali  a venire in Italia e  a entrare nella loro organizzazione, che gli uomini della Polizia di Stato di Ostia, con l' operazione denominata "Romania Express", hanno potuto arrestare tutti i comonenti della banda, che nel 2014 avrebbe messo a segno  già decine di colpi sul litorale romano. I malviventi  erano specializzati  anche in ricettazione della refurtiva, la quale veniva inviata in Romania con autotrasportatori che regolarmente percorrevano le autostrade. Il capo dell’organizzazione criminale, rintracciato e arrestato giovedì sera dagli agenti delle volanti del commissariato Lido diretto dal dottor Antonio Franco, si nascondeva in un tugurio all’interno della pineta delle Acque Rosse a Ostia. Per trovarlo gli agenti si sono travestiti da rom  trascorrendo  tre giorni e tre notti nelle aree verdi del X Municipio, dove si trovano diverse baraccopoli.

Trovate nel nascondiglio del capo della banda anche  macchine fotografiche dai contenuti sorprendenti : selfie dopo ogni colpo. Foto in cui  è seduto sopra un letto di banconote, oppure circondato da monete. Le indagini erano iniziate a novembre dello scorso anno dopo il furto nella villa di un facoltoso imprenditore romano a cui era stata portata via anche l' auto, ritrovata tramite satellitare con a bordo uno dei componenti della banda.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento