05 Marzo 2021

Pubblicato il

Roma, Spallanzani: nuove tecniche per sequenziare Sars-cov-2, causa del Covid-19

di Redazione

Il sequenziamento genomico completo su larga scala renderà ancora più attivo il contributo italiano al database internazionale

Allo Spallanzani di Roma si sta lavorando a nuove tecniche per sequenziamento del virus Sars-coV-2, la cui pandemia sta facendo vittime in tutto il mondo e egettando nel caos quasi ogni continente. 

Vuoi la tua pubblicità qui?

Inoltre, una volta stabiliti i farmaci ad azione antivirale diretta, il sequenziamento sarà fondamentale per monitorare la comparsa e la diffusione delle mutazioni di resistenza alle terapie antivirali. Sotto questo aspetto, la possibilità di effettuare sequenziamento genomico completo su larga scala renderà ancora più attivo il contributo italiano al database internazionale Gisaid e ad altre piattaforme di condivisione delle sequenze genomiche del virus. I prossimi passi saranno continuare a sequenziare più campioni, determinare il significato biologico delle varianti geniche e studiare il percorso evolutivo del coronavirus. Questi dati preliminari necessitano ovviamente di conferme e ulteriore analisi, ma pongono le basi per una migliore comprensione di questo nuovo virus che costituisce una seria minaccia per l'umanità. "Una sempre migliore conoscenza di questo virus è alla base di ogni decisione sia dal punto di vista clinico che epidemiologico– conclude Marta Branca, direttore generale dell'Inmi- il nostro Istituto, oltre a costituire un punto di riferimento per la cura delle malattie infettive come il COVID-19, è oggi impegnato in una delicata attività di assistenza nei confronti dei decisori politici nazionali e regionali: è decisivo quindi che i nostri ricercatori abbiano a disposizione strumenti sempre piu' accurati per capire meglio il comportamento di questo patogeno e cercare di anticiparne la traiettoria evolutiva"

Leggi anche: 

Vuoi la tua pubblicità qui?

Pomezia (Rm): c'è una prima vittima del Covid-19, uomo deceduto in ospedale

File ai supermercati: Regione Lazio propone 4mila addetti per spesa a domicilio

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento