Vuoi la tua pubblicità qui?
27 Ottobre 2020

Pubblicato il

Roma, stop ai veicoli più inquinanti

di Redazione

Il divieto è previsto per sabato 7 dicembre. Ipotesi targhe alterne per martedì 10 e mercoledì 11

Sabato 7 dicembre è previsto lo stop ai veicoli più inquinanti a Roma. "Con ordinanza sindacale, si conferma anche per domani – si legge in una nota- il divieto della circolazione veicolare privata, nella 'fascia verde' del Piano generale del traffico urbano (Pgtu), dalle 7.30 alle 20.30 per le seguenti tipologie veicolari: autoveicoli a benzina euro 0, euro 1; autoveicoli diesel euro 0, euro 1 ed euro 2; motoveicoli e ciclomotori a due, tre, quattro ruote a 2 e 4 tempi euro 0 e euro 1; microcar diesel euro 0 ed euro 1. Dal divieto di circolazione sono derogate ed esentate alcune categorie di veicoli".

L'elenco completo e' disponibile sul portale di Roma Capitale, dipartimento Tutela ambientale-Protezione civile.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il suddetto provvedimento "si e' reso necessario a seguito del superamento del valore limite giornaliero delle concentrazioni di polveri inalabili (pm10) e di biossido di azoto (NO2), sulla base dei dati rilevati nelle giornate del 4 e 5 dicembre 2013 e validati dall'Arpa Lazio. Vista la situazione di particolare criticità atmosferica in atto, attestata dal superamento dei limiti per due giorni consecutivi nella maggior parte delle centraline di monitoraggio di Roma, qualora le previsioni micrometereologiche fornite dai modelli di Arpa Lazio per le prossime 24, 48, 72 ore venissero confermate, l'amministrazione capitolina, in ottemperanza al Piano di intervento operativo, di cui alla deliberazione Giunta capitolina numero 242 del 19 luglio 2011, nei giorni di martedi' e mercoledi', dovra' adottare il provvedimento emergenziale di contenimento dell'inquinamento atmosferico di 'targhe alterne'".

Di tale eventualita', conclude il comunicato, "sara' data tempestiva comunicazione alla cittadinanza". 

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento