Vuoi la tua pubblicità qui?
19 Settembre 2021

Pubblicato il

Un arsenale di lame

Roma Trullo, aggredì 44enne: sequestrate sciabole e coltelli nella sua abitazione

di Redazione
Denunciato un 57enne romano per minaccia aggravata, lesioni personali e porto abusivo di oggetti atti a offendere
armi e sciabole sequestrate ad aggressore del Trullo

I Carabinieri della Stazione Roma Trullo hanno denunciato a piede libero un 57enne romano, operaio già noto alle forze dell’ordine, per minaccia aggravata, lesioni personali e porto abusivo di oggetti atti a offendere.

L’aggressione ai danni di un 44enne

I Carabinieri lo hanno identificato quale autore dell’aggressione subita da un 44enne romano che ha denunciato l’accaduto lo scorso 29 luglio.

La vittima ha raccontato ai militari che, nel corso di una lite scoppiata per futili motivi, il 57enne lo ha minacciato e aggredito, tentando di colpirlo con un’arma da taglio con alcuni fendenti, ferendolo lievemente.

Il 44enne, in un primo momento, non aveva richiesto né intervento delle forze dell’ordine né intervento medico. Successivamente, ha deciso di denunciare, facendo scattare l’indagine dei Carabinieri della Stazione Roma Trullo.

Le armi sequestrate: un vero arsenale di sciabole e pugnali

I Carabinieri hanno quindi dato un volto all’aggressore e, nel pomeriggio del 1 agosto, lo hanno raggiunto presso la sua abitazione, in via Giovanni Porzio. Qui hanno eseguito una perquisizione rinvenendo e sequestrando un vero arsenale.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Si tratta di sette coltelli a serramanico, lunghi tra i 10 ed i 20 cm, un nunchaku (manganello con catena), un pugnale lungo 20 cm, un pugnale a mezza luna lungo oltre 20 cm, una roncola, due sciabole katana, una balestra e un arco con relativa freccia.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il 57enne è stato deferito in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo