Vuoi la tua pubblicità qui?
20 Settembre 2021

Pubblicato il

Un decesso inaccettabile

Roma. Una sordida tragedia: 13enne accusa dolori allo stomaco e muore nel campo rom

di Livia Maccaroni
Poco prima delle 22:00 avrebbe accusato un dolore allo stomaco e poi il decesso. Al momento non si identifica una causa chiara della morte
Campo rom
Campo rom

Una tragedia in cui a regnare sono lo squallore, il degrado, la desolazione e la poca attenzione alle condizioni fisiche dell’individuo. Un 13enne di origini bulgare è morto ieri sera, dopo essersi sentito male in una baracca del campo rom in zona La Rustica a Roma. Da quanto ricostruito fino a ora il ragazzo, che risiedeva in una baracca in via Melibeo 7, poco prima delle 22:00 avrebbe accusato un malore, un dolore allo stomaco che lo ha costretto a distendersi sul letto.

Vuoi la tua pubblicità qui?

E poi il decesso

Dato l’aggravamento della condizione i genitori hanno chiamato l’ambulanza ma gli operatori del 118 non hanno potuto far altro che constatare il decesso. Sul posto sono intervenuti gli agenti del commissariato di San Basilio che stanno indagando per capire cosa sia accaduto al ragazzino. La salma è stata affidata al medico necroscopo che effettuerà autopsia. Ma al momento non si identifica una causa chiara della morte.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Considerazioni

È l’ennesima storia che testimonia quanto l’abbandono e l’abiezione siano le condizioni predominanti all’interno di un contesto come quello dei campi rom, in cui è addirittura pensabile che un ragazzo di 13 anni perda la propria vita dopo un semplice dolore allo stomaco. E senza che nessuno avesse identificato o si fosse dedicato alla cura delle sue, evidentemente pessime, condizioni fisiche.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo