Vuoi la tua pubblicità qui?
14 Maggio 2021

Pubblicato il

Sciopero sociale, petardi e uova al Ministero dell’Economia

di Redazione

Nel corteo spunta uno striscione per Stefano Cucchi: "Stefano vive, i morti siete voi"

L'agenzia Adnkronos riferisce che alcuni manifestanti del corteo partito da piazza della Repubblica hanno lanciato petardi, uova e fumogeni all'altezza del Ministero dell' Economia, mentre il corteo si dirigeva verso via Volturno. Non si segnalano tuttavia scontri. Analogo lancio di petardi e uova si segnala davanti all'ambasciata tedesca, in via San Martino della Battaglia. "Una settimana fa qua i lavoratori dell'Ast Terni sono stati malmenati da un Governo che non ha rispetto per i lavoratori".

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il corteo ha dedicato un momento di ricordo a Stefano Cucchi, mentre transitava da piazza Indipendenza: "Stefano vive, i morti siete voi". Una settimana fa lì si era tenuta una veglia organizzata dalla famiglia Cucchi, sotto la sede del Csm. I manifestanti stanno proseguendo la marcia verso Castro Pretorio tra striscioni e slogan: ''Stanno creando un deserto e lo chiamano futuro''.

AGGIORNAMENTO 11.40 Anche i ricercatori in piazza nella manifestazione in corso a Roma, partita da piazza della Repubblica. Oltre a studenti, precari, migranti, è "rilevante la presenza della Coalizione Internazionale dei Sans Papiers Migranti Rifugiati e Richiedenti Asilo, con delegazioni da 8 paesi europei e dalla Tunisia, che sta sfilando dietro lo striscione ''LIBERTÀ DI LAVORO E RESIDENZA IN EUROPA". Intanto "davanti a Palazzo Vidoni, sede del ministero della Funzione Pubblica, è partita la protesta dei ricercatori organizzati con l'USB, che hanno simbolicamente buttato via gli strumenti di lavoro – provette, microscopi e computer – per dare vita a un cacerolazo contro la distruzione della ricerca Pubblica".

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento