Vuoi la tua pubblicità qui?
20 Settembre 2021

Pubblicato il

Scrive su Facebook di voler fare una strage: denunciato

di Redazione
Rintracciato dalla Polizia a Terracina un 36enne che aveva scritto dei post deliranti. L'uomo era incensurato

Forse si stava annoiando e non sapeva come trascorrere la domenica così, forse per movimentarla, ha pensato "bene" di preannunciare via Facebook una sorta di strage da mettere in atto a Terracina. Il problema è che il 36enne MP non aveva considerato il fatto che i post che inseriamo su Facebook potenzialmente possono essere letti in tutto il mondo e, quando si scrivono frasi deliranti come quelle in questione, si può finire in guai. Anche quando le intenzioni paventate non corrispondono alla realtà.

Da 48 ore, il 36enne ne è pienamente consapevole, visto che questa "bravata" gli è costata una denuncia per procurato allarme da parte della Polizia di Terracina. Gli agenti sono venuti a conoscenza di quanto stava accadendo nella tarda serata di domenica, quando è giunta una segnalazione da parte di un operatore della Questura di Milano, il quale ha fatto presente di aver letto su Facebook l'intenzione, da parte di M.P., di voler compiere un episodio di violenza in un non precisato esercizio commerciale della città.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Dopo aver letto i post minacciosi il personale della Squadra Anticrimine del Commissariato locale ha predisposto un servizio di controllo in città , ma soprattutto nelle prime ore della mattinata di ieri hanno rintracciato il 36enne nella propria abitazione. L'uomo risulta essere incensurato e, messo di fronte alle proprie responsabilità, avrebbe riconosciuto di aver commesso una vera e propria leggerezza, visto che peraltro non aveva intenzione di attuare le violenze paventate nei suoi post. Il pentimento, comunque, non ha potuto evitargli il deferimento per il reato di procurato allarme.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo