Vuoi la tua pubblicità qui?
27 Ottobre 2020

Pubblicato il

Virus e scuola

Scuola, Azzolina: “Temperatura corpo va presa a casa, scuole facoltativo”

di Redazione

La ministra dell'istruzione Azzolina ha chiarito come la temperatura corporea vada presa a casa, poi ogni istituto può scegliere di misurarla all'ingresso

Lucia Azzolina Fiano Romano
Lucia Azzolina

Temperatura del corpo e ritorno a scuola. La fase 3 e la ripartenza a settembre, apre molte sfide per la politica, l’amministrazione del paese e l’economia. Una delle più ardue è la riorganizzazione della scuola: gli spazi e la distanza di sicurezza, l’ipotesi mascherina e gli ingressi scaglionati. Non ultima la questione della temperatura corporea da misurare per scongiurare la febbre, uno dei sintomi più ricorrenti del virus Sars-coV-2.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Temperatura del corpo, responsabilizzare famiglie

“Stiamo lavorando sulla responsabilizzazione delle famiglie. Se un bambino è già malato, ha la febbre o una influenza banalissima, non lo si manda sull’autobus col rischio di creare disagio a tutti gli altri. La misurazione va fatta a casa, poi ogni scuola può organizzarsi autonomamente.

Il discorso però è non creare assembramenti, ci sono scuole da migliaia di studenti, dovrebbero stare a distanza l’uno dall’altro e si creerebbero ingressi scaglionati che durerebbero ore. Quindi la cosa migliore per evitare che i bambini possano infettarsi, è prendere la temperatura a casa”.

Così la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, questa mattina a Milano durante la visita all’istituto comprensivo Riccardo Massa di via Quarenghi. La ministra si trova nel capoluogo lombardo per il tavolo regionale a porte chiuse sulla riapertura di settembre che si sta svolgendo presso la sede di via Polesine dell’ufficio scolastico regionale. 

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento