Vuoi la tua pubblicità qui?
09 Dicembre 2021

Pubblicato il

Segni,la Comunità Montana partecipa al progetto alternanza scuola lavoro

di Redazione
La XVIII Comunità Montana dai primi giorni di maggio ospiterà gli studenti dell’Istituto di ‘Istruzione Superiore Via Gramsci’ di Valmontone, per il progetto alternanza scuola

Tra i due enti è stata stipulata una convenzione volta ad assicurare ai giovani l’acquisizione di competente spendibili nel mercato del lavoro.  Gli studenti verranno accolti presso i locali della sede della XVIII Comunità Montana per svolgere, attività di formazione ed orientamento del percorso in alternanza scuola lavoro. L’operato degli studenti sarà congiuntamente progettata e verificata da un docente tutor interno, designato dall’istituzione scolastica, e da un tutor formativo della Comunità Montana, cioè l’istituzione ospitante. Il progetto comincerà con il corso AFM (Amministrazione, Finanza e Marketing) che vedrà impegnati gli studenti dell’ITC Pier Luigi Nervi di Segni.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il presidente della XVIII Comunità Montana Fabrizio Di Paola: ”Un’altra iniziativa a stretto contatto con il nostro territorio. Un ulteriore e concreto segnale della volontà della Comunità Montana di crescere con le realtà circostanti, una soddisfazione sincera ospitare qui, nella nostra sede, gli studenti dell’Istituto di ‘Istruzione Superiore Via Gramsci’ di Valmontone, per il progetto di alternanza scuola-lavoro. Per questo voglio rivolgere un mio personale ringraziamento alla dottoressa Patrizia Fiaschetti Dirigente Scolastico dell’Istituto per la collaborazione. Inoltre, voglio ringraziare le docenti Maria Teresa Vari e Maria Antonietta Pennese dell’Istituto Nervi di Segni e l’assessore Stefano Salvitti della Comunità Montana, per il loro particolare impegno nella realizzazione di questo progetto.  

Vuoi la tua pubblicità qui?

Dispiace constatare anche in questa circostanza la totale assenza della Regione Lazio. Questa sarà l’ennesima iniziativa della Comunità Montana organizzata senza il fattivo contributo della Regione Lazio. Soprattutto in questo particolare e delicato momento di passaggio dalla Comunità Montana all’Unione dei Comuni, la Regione Lazio dovrebbe quantomeno indicare alcune linee di passaggio. Invece, non è così. Purtroppo, e questo va avanti da fin troppo tempo, siamo costretti a fare del nostro meglio con le scarsissime risorse che abbiamo. Sappiamo che il percorso della Comunità Montana è a termine ma almeno ci dicano come e cosa possiamo fare e fin dove arriveranno le nostre possibilità. Ma, al momento dalla Regione riceviamo solo silenzi”.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo

Vuoi la tua pubblicità qui?