Vuoi la tua pubblicità qui?
15 Aprile 2021

Pubblicato il

Segni, sequestro in centro Commerciale: violazioni e abbandono rifiuti speciali

di Redazione

La Polizia Locale, in un'operazione congiunta con i Carabinieri Forestale sequestrano immobili in un centro commerciale

Nella mattinata di venerdì 27 Settembre, a Segni (Roma), sono state accertate violazioni edilizie e abbandono di rifiuti speciali, La Polizia Locale di Segni congiuntamente ai Carabinieri della Forestale di Segni, sono intervenuti a seguito di una segnalazione di un cittadino, e hanno sequestrato un immobile e denunciato tre persone segnalando all’Autorità Giudiziaria i proprietari di tre società immobiliari. Due donne, di cui una straniera e un uomo, residenti nella provincia di Frosinone e di Roma. Sui loro terreni, in località Monterosso è stato realizzato il centro commerciale con i manufatti illeciti. Nello specifico sono stati sequestrati:

Vuoi la tua pubblicità qui?

• un capannone realizzato in struttura metallica, ancorato a terra con baggioli di calcestruzzo delle dimensioni di circa 50,00mx42,00m  e per un’altezza di circa 6,00m;
• un ampliamento perimetrale di un fabbricato residenziale con la realizzazione di una parte interrata ed una sovrastante terrazza di copertura per un’estensione si circa 600 m2;
• un ponte realizzato in calcestruzzo armato e protetto da struttura metallica tipo “gard rail”;
• un muro di contenimento in calcestruzzo armato a difesa degli argini di un fosso.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Oltre alle violazioni edilizie e paesaggistiche, in quanto i manufatti sequestrati erano privi dei titoli abilitativi e in area inclusa entro i 150 m. dal Fiume Sacco, è stata accertata la presenza, in prossimità del capannone sequestrato, di numerosi abbandoni di rifiuti speciali tra cui miscugli o scorie di cemento, mattoni, mattonelle e ceramiche, legno, plastica, fusti in ferro e acciaio e vari rifiuti in ferro e acciaio, materiali da costruzione a base di gesso, rifiuti misti dell’attività di costruzione e demolizione, mobili in legno e tessuto, oltre ad un veicolo non più utilizzato e non ancora consegnato ai centri di recupero.

Labico piange la scomparsa di Andrea Giordani, imprenditore e sindaco guascone

Artena, arrestato 35enne per spaccio, riciclaggio e furto di macchine agricole

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento