28 Ottobre 2021

Pubblicato il

Si rafforza il patto: Associazione Comuni del Lazio e Polonia

di Redazione
Dal 14 maggio due nuove firme sul Protocollo d’intesa: Santi Cosma e Damiano e Terezin

Prende sempre più corpo il protocollo d’intesa sottoscritto a Blonie, in Polonia, il 9 di settembre del 2013, da alcuni Comuni italiani appartenenti alle a’Associazioni dei Comuni del Lazio, SER.A.L, SER.A.F., SER.A.R. e AS.TE.R. e alcuni Comuni polacchi.

L’accordo, che prevede che si sviluppi un dialogo interculturale, non solo tra singoli comuni di Paesi europei diversi, ma tra “territori intercomunali” che circoscrivono aree vaste, significative dal punto di vista storico, culturale e anche economico, ha necessitato una pianificazione per lo sviluppo di questa particolare interpretazione del “gemellaggio” scegliendo Comuni limitrofi a quelli già gemellati al fine di completare la circoscrizione di un territorio ben definito che potesse ambire ad avere una sua capacità intrinseca di governo del suo futuro.

La strategia, messa a punto dalle Associazioni di Comuni del Lazio, a partire dal 2011,  e condivisa con i Comuni polacchi in una storica riunione effettuata a Blonie il 17 dicembre del 2011, si va concretizzando lentamente, ma progressivamente e lo scorso 14 maggio un nuovo tassello è stato fissato.

Dopo la firma del Comune di Castelnuovo Parano di SER.A.F., che si è gemellato il 7 settembre del 2013 con Leszno, il 14 maggio è stata la volta di SS. Cosma e Damiano di SER.A.L. con il Comune di Terezin.  

Vuoi la tua pubblicità qui?

Durante il percorso che ha portato alla firma dell’accordo un ruolo significativo lo hanno avuto il sindaco di Blonie, Zenon Reszka sul fronte polacco, e Domenico Corte, sindaco di Coreno Ausonio, ma anche sindaci come Renato Rotondo di Castelnuovo Parano e Giuseppe Moretti di Esperia che hanno dato un sostegno significativo all’operazione. 

La scelta della Polonia ha un evidente significato storico perché furono proprio i Polacchi a sfondare, assieme ai Francesi, la linea di resistenza tedesca e ad aprire la strada che portò gli Alleati a liberare Roma e l’Italia dall’oppressione nazifascista.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La novità dell’approccio al sistema dei gemellaggi era stata enunciata da Vincenzo Petruccelli, il vicesindaco di SS. Cosma e Damiano e presidente dell’Associazione SER.A.L. , che l’11 agosto del 2011 – anno in cui il Comune era capofila di un progetto che raggruppava 11 Comuni collocati nell’area della Linea Gustav (progetto PROM@MO) che aveva l’obiettivo di recuperare e valorizzare la storia del periodo che val ’43 al ’44, tristemente ricordato per le tre battaglie di Montecassino – , avanzò ufficialmente questa nuova strategia in un convegno a cui partecipò una delegazione polacca proveniente da Blonje.

Alla base della nuova strategia c’è stato uno studio effettuato da Impresa Insieme, struttura di assistenza tecnica dell’Associazione, che prendendo a riferimento i gemellaggi effettuati dai circa 70 Comuni del Lazio che aderiscono alle Associazioni esistenti, aveva evidenziato come questi fossero frutto di una casualità o la conseguenza di un “attivatore” individuale, ma a mancare era una strategia condivisa tra i Comuni.

Proprio per il ruolo assunto dai soldati polacchi durante quelle battaglie, il progetto PROM@MO suggerì di sviluppare un intenso rapporto con i Comuni polacchi e consentì di mettere a fuoco la strategia cosiddetta “territoriale”, condividerla con il Ministero degli Esteri italiano, ottenendo così anche il supporto dell’Ambasciata italiana a Varsavia e di quella polacca a Roma.

“Con il gemellaggio di SS. Cosma e Damiano con Terezin si conclude un percorso che è durato cinque anni”, dice Vincenzo Petruccelli, che testardamente e “instancabilmente” come dice il sindaco di Santi Cosma e Damiano,  Di Siena, ha portato avanti.

Lo stesso testo per il gemellaggio rappresenta una novità nel panorama dei gemellaggi italiani: non solo si citano gli obiettivi abituali che caratterizzano questo specifico atto di collaborazione tra Comuni di due Paesi diversi, ma si fa riferimento anche a modelli organizzativi nuovi (l’Organizzazione Territoriale) e a processi che si ispirano a metodologie che l’Italia ha messo a punto in quaranta anni di esperienza di gestione di cambiamenti complessi.

“La Formazione Intervento – dice Renato Di Gregorio – che ne è il propugnatore – è una metodologia che, assieme al presidente SER.A.L., abbiamo convenuto di inserire nel documento di gemellaggio sottoscritto tra i partner perché consente di prevedere che i progetti che ora insieme saranno sviluppati avranno la caratteristica della partecipazione delle comunità locali e il coinvolgimento responsabile dei giovani.

Ufficio Stampa Impresa Insieme

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo