Vuoi la tua pubblicità qui?
27 Settembre 2021

Pubblicato il

Si tamponano al distributore e sfiorano la rissa

di Redazione
Incredibile a Valmontone: due persone hanno occupato per oltre mezz'ora le pompe per dirimere la loro controversia

Si può comprendere che, con i ritmi frenetici che ci impone la società contemporanea, in alcuni giorni si è particolarmente nervosi, soprattutto quando capitano dei fastidiosi imprevisti. Ma quando il nervosismo provoca una lite, quasi degenerata in un contatto fisico, che di fatto ha reso inutilizzabili alcune pompe di benzina un distributore, allora è lecito ritenere che si è andati oltre. La scena da film (tragicomico, è il caso di dire) si è verificata al distributore Chialastri di Valmontone e ha visto come "protagonisti" una Ford Fiesta e una Chevrolet. Il conducente di quest'ultimo veicolo, mentre si apprestava a fare rifornimento, ha tamponato la Fiesta, che era ferma, mentre stava facendo retromarcia.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Da quel momento è scoppiato il caos: la Ford ha riportato dei danni sul paraurti e per tale ragione gli animi hanno cominciato a scaldarsi. La situazione è stata sul punto di precipitare quando il proprietario della Chevrolet ha provato a effettuare una foto sulla parte danneggiata dell'auto tamponata. Il conducente della Fiesta, però, lo ha bloccato: a quel punto è dovuto intervenire un benzinaio per scongiurare il rischio che i due venissero alle mani.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Nonostante il peggio sia stato scongiurato, la discussione è proseguita per oltre mezz'ora, periodo nel quale i due hanno di fatto occupato le pompe di benzina, discutendo animatamente. Il motivo del contendere risiedeva nel fatto che il proprietario della Fiesta aveva intenzione di fare il cid, ma l'uomo che lo ha tamponato sosteneva di non avergli arrecato alcun danno. Alla fine la vicenda si è chiusa con un accordo monetario e i due "occupanti" hanno sgomberato il campo, consentendo ai benzinai, divenuti loro malgrado spettatori dell'assurda scena, di tornare a lavorare in condizioni di normalità.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo