Si torna a parlare di un governo politico. Spostamento di Savona?

C'è ancora tempo per un governo politico. Fonti della presidenza fanno sapere che non ci sono più problemi sulla lista dei ministri di Cottarelli, ma a quanto pare c'è ancora una possibilità per un esecutivo gialloverde, con il nome del professor Savona sempre nella squadra, ma forse con uno spostamento.

Sul suo profilo Facebook Luigi Di Maio ha infatti scritto: "facciamo partire questo GOVERNO DEL CAMBIAMENTO, e facciamolo partire non arretrando ma aggiungendo un’altra persona alla squadra: Oltre al professor Savona aggiungiamo un’altra persona che va a ricoprire per stessa caratura ed elevatura il ruolo del ministro dell’economia. Questa è una proposta che mi sento di fare che viene da tanti cittadini, anche perché su questo siamo sempre stati coerenti. Il tema non era Savona in sé, ma una persona con quelle caratteristiche, con quelle capacità che potesse andare in Europa a contrattare il programma di bilancio dei prossimi sette anni, il fiscal compact, alcuni trattati, e farlo in maniera efficace. Lo possiamo fare ancora? Non dipende da noi… Il Movimento 5 Stelle ci sta, dipende dall’altra forza politica che fa parte di questo contratto di Governo"

Salvini: "Se mi tirano via anche un solo uomo di quella squadra di governo, il governo non ha senso che esista. C'è quel programma e quella squadra, se vanno bene ci mettiamo la faccia e lavoriamo. Se qualcuno per i motivi più bizzarri non va bene all'Europa, a Berlino, ai mercati, alla Merkel e alle banche, cosa possiamo farci?". Ma poi apre dicendo, secondo quanto riportato da "Repubblica": "Uno spostamento di Savona? Porta mai chiusa. Come stiamo facendo dal 4 marzo, sceglieremo il meglio per il paese, abbiamo delle belle idee in testa".

Al Quirinale valuteranno con molta attenzione un possibile spostamento del professor Savona.

LEGGI ANCHE

Governo, Si riapre l'ipotesi di un esecutivo Lega-M5s. Addio Impeachment

Luigi Di Maio: Invito tutti a Roma il 2 Giugno con la bandiera italiana

Mattia Feltri: "Se solo avessero voluto, oggi ci sarebbe un governo"