Vuoi la tua pubblicità qui?
23 Ottobre 2020

Pubblicato il

Simona Guerra racconta il disagio mentale

di Redazione

In "Bianco e Oscuro", la Guerra affida alla fotografia la documentazione dello stato dei pazienti

Simona Guerra, archivista e saggista italiana, già autrice di altri 4 libri, ha presentato ieri la sua ultima fatica, "Bianco e Oscuro" (ed. PostCart) presso l’Auditorium Comunale di Bolsena.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Laureata in Storia della Fotografia, in ‘Bianco e Oscuro. Storia di panico e fotografia’, Simona Guerra affronta il delicato tema del disagio mentale, e lo fa utilizzando la fotografia, considerata come mezzo di conoscenza più immediato e rappresentativo delle condizioni dei pazienti.
Il testo è quindi alternato a fotografie di Giovanni Marrozzini; la postfazione è a cura di Peppe Dell’Acqua, psichiatra e direttore del Dipartimento di Salute Mentale di Trieste.

La narrazione fotografata è affidata ad Alma, protagonista del romanzo ispirato a una storia vera, che racconta come la fotografia le abbia salvato la vita.

Questo libro non è solo un modo per sconfiggere i pregiudizi che caratterizzano una società permeata di valori effimeri e superficiali nei confronti di un mondo sconosciuto e ghettizzato, ma è, altresì, un’occasione – letteraria – per dar vita a nuovi modi di dialogare e di esprimersi e – sociale – per ricordare che anche grazie alla fotografia, in Italia, nel 1978, è stata possibile la Legge Basaglia che ha ordinato la chiusura dei manicomi.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento