Vuoi la tua pubblicità qui?
21 Settembre 2021

Pubblicato il

Sotto scorta Sandro Ruotolo, giornalista di “Servizio Pubblico”

di Redazione
La decisione presa dal prefetto di Roma, Franco Gabrielli, dopo le minacce di morte arrivate dal capo dei Casalesi

Intercettato in carcere, Michele Zagaria, capo del clan dei Casalesi avrebbe detto: "'O vogl' squartat' viv'".

Vuoi la tua pubblicità qui?

All’origine delle minacce c'è un reportage di ‘Servizio Pubblico’ sulla Terra dei Fuochi, recentemente andato in onda su La7, che conteneva un’intervista di Ruotolo a Carmine Schiavone, pentito del clan.

In questa intervista Schiavone confida a Ruotolo che “Ci sono tracce recenti di rapporti tra Zagaria, quando era latitante, e i servizi segreti. Ma parliamo degli anni Duemila”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Alle domande di Ruotolo per sapere qualche particolare in più, Schiavone replica “Non ti posso dire piu’ niente. Lo saprai al momento opportuno”.

Carmine Schiavone, il 22 febbraio di quest'anno, è morto all'improvviso, in circostanze misteriose, all'ospedale di Viterbo dove era ricoverato per una frattura. I carabinieri stanno ancora effettuando degli accertamenti dopo aver sequestrato la documentazione medica.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo