Vuoi la tua pubblicità qui?
02 Luglio 2020

Pubblicato il

Spaccio a Torri in Sabina: arrestato dominicano di Orte

L'uomo era stato bloccato a luglio ma era stato possibile denunciarlo senza l'arresto. Le successive indagini hanno accertato che l'uomo riforniva di droga la città

A Torri in Sabina i Carabinieri della locale stazione, lo avevano arrestato alla fine del luglio scorso quando nottetempo a seguito di un controllo alla circolazione stradale, usando violenza contro i militari che lo avevano fermato, era riuscito momentaneamente a darsi a precipitosa fuga disfacendosi in un campo adiacente, del proprio marsupio. Lo stesso veniva acciuffato poco distante dagli stessi militari e dopo una breve colluttazione, veniva ricondotto alla ragione ed arrestato per i reati di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

Data l’oscurità, non è stato possibile rinvenire immediatamente il marsupio, ritrovato soltanto la mattina successiva, con all’interno 290 grammi. di hashish e 10 di cocaina, il tutto ovviamente sequestrato. Pertanto lo stesso veniva deferito in stato di libertà, anche per il reato di detenzione illecita di sostanze stupefacenti.

Si tratta di un cittadino originario della repubblica dominicana, C. M. R. M., 32enne residente a Orte. Da quel rinvenimento, i Carabinieri della stazione di Torri in Sabina avevano avviato un’indagine dalla quale è emerso che l’uomo non era nuovo a spaccio di tali sostanze nel piccolo comune sabino. Nel corso dei mesi, è stato possibile rinvenire altre tante piccole dosi tra hashish e cocaina, a seguito delle quali, sono state segnalate alcune persone alla locale Prefettura. In questo modo è stato possibile acclarare che tali dosi, erano state tutte spacciate dal citato dominicano, tant'è che il tribunale di Rieti, concordando pienamente con le risultanze investigative, emetteva nei confronti dello stesso, una misura cautelare agli arresti domiciliari, che l’altra notte veniva eseguita dai militari della stazione di Torri in Sabina.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento

Condividi