Vuoi la tua pubblicità qui?
06 Dicembre 2022

Pubblicato il

Stupro di Capodanno, la vittima tenta il suicidio: “È tutta colpa mia”

di Redazione
La vittima, all'epoca minorenne, era stata violentata da tre ragazzi durante una festa privata a Roma
Depressione, ragazza piegata su se stessa su sfondo bianco e nero

È passato più di un anno da quando una 16enne era stata prima drogata con il Gbl (la cosiddetta “droga dello stupro”) e successivamente abusata da parte di cinque ragazzi durante una festa organizzata in una villetta privata a Primavalle a Roma, durante la notte di San Silvestro del 2020.

Stupro di Capodanno, la vittima tenta il suicidio

La giovane, divenuta nel frattempo maggiorenne, ha tentato di elaborare il trauma: è tornata a studiare in Spagna, lontano da Roma, per iniziare una nuova vita e si è diplomata a pieni voti. Ma come riporta la Repubblica, la giovane ha continuato ad avere problemi psicologici gravemente invalidanti legati alla violenza subìta, come difficoltà di concentrazione, ansia, depressione, disturbi del comportamento alimentare e autolesionismo. La ragazza avrebbe cercato di togliersi la vita ferendosi nell’istituto spagnolo. L’episodio, secondo la Repubblica, risale a settembre scorso. Vergogna, senso di colpa, paura, difficoltà a relazionarsi che le sono sembrati insuperabili nonostante l’appoggio della famiglia e il sostegno degli psicologi. “È tutta colpa mia” avrebbe detto ai soccorritori dopo il gesto estremo.

Il 22 novembre intanto, avrà inizio il processo per lo stupro. L’imputato maggiorenne, di 20 anni, è accusato di lesioni e violenza sessuale di gruppo nei confronti della ragazza, all’epoca 16enne. Il giovane, agli arresti domiciliari da fine gennaio, è accusato dello stupro insieme ad altri due ragazzi non ancora maggiorenni la notte del fatto.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo