20 Ottobre 2021

Pubblicato il

Tarquinia, altro caso di violenza sulle donne, romeno arrestato

di Redazione
L'uomo, vanta precedenti penali per maltrattamenti in famiglia, atti persecutori e tentato omicidio

Continuano anche nella Tuscia gli episodi di violenza sulle donne, maltrattamenti in famiglia e atti persecutori proprio mentre le cronache nazionali sono focalizzate sul problema a seguito della morte della 22nne romana data alle fiamme dall’ex fidanzato.

I Carabinieri di Tarquinia ieri nelle primissime ore del giorno hanno tratto in arresto un 28nne di origine romena residente a Tarquinia e già gravato da precedenti penali per maltrattamenti in famiglia e atti persecutori nei confronti dell’ex fidanzata 29nne nonché tentato omicidio nei confronti del fratello della ex fidanzata.

I Militari sono stati chiamati dai vicini a seguito delle urla che provenivano dall’abitazione, giunti sul posto oltre a constatare le ferite al volto della donna hanno colto in flagranza l’arrestato mentre colpiva con calci e pugni in testa al fratello 56nne della donna riuscendolo a bloccare nella furia della violenza.

La donna e il fratello sono stati immediatamente soccorsi e trasportati presso l’Ospedale di Viterbo dove sono stati medicati e giudicati rispettivamente guaribili in 4 e 30 giorni. Già in altre occasioni la donna era stata oggetto di maltrattamenti e atti persecutori da parte dell’uomo che non voleva rassegnarsi all’interruzione della loro relazione sentimentale. 

Dopo l formalità di rito l’arrestato è statao tradotto prssso la casa circondariale di Civitavecchia a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Purtroppo dall’inizio dell’anno sono già undici gli episodi di arresto solo da parte dei Carabinieri per violenza sulle donne, in tutti i casi si tratta di coniugi, ex coniugi o fidanzati che al termine delle rispettive relazioni non accettano di essere lasciati e iniziano a perseguitare le donne fino a giungere alla violenza fisica.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Questo rappresenta solo la punta “dell’iceberg” di un fenomeno che vede decine e decine di denunce di atti persecutori, magari più lievi, ma che rischiano di sfociare nella violenza.   

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo