28 Febbraio 2021

Pubblicato il

Telefonate indesiderate? Presto restrizioni a tutela della privacy degli utenti

di Redazione

Il Consiglio dei Ministri sta valutando un provvedimento volto ad arginare il fenomeno delle telefonate pubblicitarie

Le statistiche dicono che riceviamo una chiamata indesiderata in media ogni tre giorni, in una classifica europea del disturbo, siamo secondi per questo tipo di scocciatura, dietro il Regno Unito. 

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il telemarketing, cioè l'utilizzo dei numeri di telefono cellulare personali degli utenti come bacino commerciale in cui proporre offerte e servizi a pagamento, però, non è solo una seccatura, ma una seria mancanza della garanzia della privacy degli utenti, e per questo potrebbe essere agli sgoccioli. 

Il Consiglio dei Ministri sta valutando un progetto finalizzato ad arginare queste chiamate moleste attraverso un provvedimento che punta a potenziare il Registro pubblico delle opposizioni, cioè di quel fascicolo a cui possono iscriversi tutti gli utenti che non vogliono più ricevere chiamate pubblicitarie. Il percorso di questa legge potrebbe essere lungo perché dovrà mettere d'accordo tre attori che chiama in causa: il Governo, gli operatori telefonici e le associazioni a tutela dei consumatori. La lista, attualmente aperta solo ai numeri fissi, verrà progressivamnente estesa ai numeri di telefono mobili. Iscriversi dovrebbe invece essere una pratica piuttosto semplice, per mezzo del sito web gestore del servizio o chiamando dalla linea telefonica su cui si vuole attivare il blocco. 

I call center, in questo contesto, sono il vero osso duro: essi ottengono le nostre informazioni private in maniera non consentita, acquisendoli da altre società, e per fini diversi da quelli per i quali il privato aveva dato il suo consenso 

I tempi di cui si vocifera sono per ora, rientrano nel dicembre 2020, dunque prepariamoci a ricevere chiamate indesiderate ancora per un anno…

Vuoi la tua pubblicità qui?

 

Leggi anche: 

Chiesa 2020: dopo le dimissioni potrebbe arrivare l'esonero papale

Pensioni di reversibilità: il patronato Labor fa chiarezza

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento