Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
17 Gennaio 2022

Pubblicato il

Tenuta mentale e difensiva disastrose: fotografia della Roma dopo i ko con Milan e Juve

di Enrico Salvi
Due sfide importanti, due sconfitte molto diverse, un’unica considerazione: i giallorossi non hanno la solidità per puntare al quarto posto. Abraham fa sperare Mou
La delusione di Pellegrini, Cristante e Abraham durante la sfida con la Roma
La delusione di Pellegrini, Cristante e Abraham durante la sfida con la Roma (© Claudio Pasquazi)

Inizio 2022 da dimenticare per la Roma di José Mourinho: dopo gli alti e bassi della prima parte di stagione, il doppio scontro diretto con Milan (a San Siro) e Juventus (all’Olimpico) era la migliore cartina tornasole possibile per le ambizioni della Lupa. Il bilancio è quantomeno deficitario.

Tenuta difensiva da dimenticare: troppi errori individuali

Partiamo dai freddi numeri: in due partite, zero punti e ben sette gol subiti. Gli errori individuali in fase difensiva hanno contraddistinto la sofferenza della Roma in apertura della sfida al Milan: il braccio largo di Abraham che causa il rigore di Giroud e il retropassaggio imprudente di Ibanez per il raddoppio di Messias hanno segnato la sfida di San Siro già in partenza. A fine partita anche Mancini fa una sciocchezza, causando il rigore (poi parato da Rui Patricio) ma soprattutto rimediando l’espulsione che gli ha impedito di affrontare la Juventus. Anche Karsdorp è saltato di testa nella sfida personale con Theo Hernandez e non ha concluso la partita. Cali di concentrazione che sono constati carissimo.

Contro la Juventus una vittoria buttata via: crollo psicologico collettivo

Se nella prima partita sono stati errori individuali a compromettere tutto, con la Juventus il match aveva preso una piega ben diversa. Andata in vantaggio nel primo tempo e per due gol nella ripresa, la Roma dopo la punizione di Pellegrini è sparita da campo. Colpevolmente i giallorossi hanno consentito ad una Juve tramortita di riprendersi e ribaltare la sfida. Pesa come un macigno la disattenzione che porta al 2-3 di Locatelli: da lì il baratro, e Mourinho in conferenza stampa lo ha ammesso.

Vuoi la tua pubblicità qui?

“Purtroppo devo criticare, devo farlo in maniera collettiva e non individuale, ma devo farlo. Settanta minuti di controllo assoluto. Abbiamo avuto questa voglia di organizzazione di gioco, di pressarli alto e di avere controllo . Poi dopo è un collasso psicologico. A loro forse sono venuti dei complessi e delle paure”

Vuoi la tua pubblicità qui?

Contro le big arriva la sesta sconfitta in nove gare. La prova di maturità post-Bergamo è stata fallita in pieno e il distacco dal quarto posto che comincia ad essere pesante, anche come immagine data alla concorrenza: manca la solidità necessaria.

Unico sorriso per Mou Abraham: condottiero e realizzatore

Le brutte notizie sono maggiori, ma ci sono alcuni aspetti da cui ripartire. Come accennato dallo stesso Mourinho, contro la Juventus per i primi 70 minuti è stata una buona Roma, seppur i gol siano arrivati da palle inattive o iniziative estemporanee. Ma un uomo su tutti sta diventando ormai imprescindibile. Tammy Abraham ha cominciato a segnare con continuità anche in campionato: sono quattro le marcature in altrettante partite nell’ultimo mese, 14 in totale in questo primo scorcio di stagione. In zona gol l’inglese è diventato una costante, anche nel gioco aereo dove finora aveva peccato di mira. A gennaio Abraham ha già numeri migliori del primo anno di Edin Dzeko.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo