Vuoi la tua pubblicità qui?
25 Novembre 2022

Pubblicato il

Turismo invernale

Terminillo, Formichetti: no alla riapertura degli impianti di risalita

di Redazione
Al Comune di Rieti spetterà il compito di prendere una decisione per cercare di evitare una chiusura
Terminillo

Solo ieri, 13 ottobre, i lavoratori della stazione sciistica del monte Terminillo esprimevano forti dubbi sulla ripresa degli impianti per le attività sportive invernali. Dubbi dovuti al caro energia e alle scarse nevicate.

Le preoccupazioni, rivelatesi fondate, degli operatori sono state raccolte in un articolo di un quotidiano locale. “Sarebbe la quarta (volta ndr.) dopo le chiusure per il Covid e quella dell’anno scorso per mancanza di neve”.

A distanza di 24 ore arriva la conferma proprio dal titolare della Funivia Terminillo, Flavio Formichetti, che da sempre gestisce gli impianti di risalita. “La decisione è stata presa già lo scorso anno – spiega Flavio Formichetti – ma poi, seppur con ritardo, ho risposto all’invito del Comune andare incontro alle esigenze degli operatori della stazione montana nonostante i problemi e l’assenza di neve. Ora però non esistono più le condizioni per andare avanti”.

A pesare sulla decisione, che al momento viene data come definitiva, anche i rincari energetici.

“Lo scorso anno ho ricevuto una bolletta di 16 mila euro mensili. Da ottobre stimo di pagarne 60 mila più l’innevamento e il lavoro tecnico: una situazione non più sostenibile, lo ripeto. Inutile illudere gli appassionati di sci e i collaboratori che saremmo stati in grado di iniziare e terminare la stagione. Con questa situazione non si può correre il rischio di mettere a repentaglio gli equilibri economici dell’azienda”.

Formichetti dichiara essere aperto al dialogo con le Istituzioni del territorio: “Sentiamo eventualmente cosa propone la nuova amministrazione comunale con la quale non ho avuto ancora contatti ma l’orientamento è per il no”.  Al Comune di Rieti, dunque, spetta ora l’arduo compito di prendere una decisione per cercare di evitare una chiusura o provare a rilanciare il turismo montano, fortemente provato dalla pandemia e dalle scarse nevicate degli ultimi anni.  

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo