Vuoi la tua pubblicità qui?
07 Maggio 2021

Pubblicato il

Tivoli, rifiuti di ogni tipo all’ex campo rom Stacchini

di Redazione

Metri cubi di immondizie sparse, materiali tossici e residui di roghi. In questo scenario desolante alcune donne si prendono cura dei cani e dei gatti

                                                                                           RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO:

Mentre Tivoli si veste a festa per la notte verde e per il Santo Natale, oggi pomeriggio (giovedì 17 dicembre n.d.r.) ,con le volontarie Daniela Lo Magno e Roberta Piacentini mi sono fatta accompagnare nel territorio di Stacchini, dove per 10 anni hanno risieduto i rom.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Questa è l'eredità che ci hanno lasciato: metri cubi di immondizie sparse ed abbandonate in un territorio di circa 70 ettari, materiali tossici ormai sommersi dai rovi, residui di roghi, plastiche varie, abiti, metalli, vetri, combustibili vari, copertoni, taniche di olio motore. In questa zona crescono arbusti rari, svettano maestosi gli eucaliptus e durante l'estate scorre impetuosa l'acqua solfurea che viene dal vicino parco termale. Il territorio che poteva essere bonificato e trasformato in parco termale è stato ora venduto al miglior offerente che ancora elude la bonifica  e tutti sembrano non preoccuparsene.

Vuoi la tua pubblicità qui?

In questo " inferno dantesco" – perché di vero e proprio inferno trattasi –  vivono branchi di cani e gatti non curati e non sterilizzati, abbandonati ormai da tutti, accuditi solo da queste due donne che un giorno sì e uno no,caricano la macchina di cibo ed acqua per sfamare queste povere bestie.
Oggi una sorpresa: abbiamo trovato due splendidi cuccioli ,probabilmente incrocio fra maremmano e labrador- sono docili e adottabili.
Guardate che belli!

Vuoi la tua pubblicità qui?

Fulvia Quinci-Daniela Lo Magno-Roberta Piacentini-Giuseppe Gravina

 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento