Vuoi la tua pubblicità qui?
21 Settembre 2021

Pubblicato il

Trionfale: commerciante s’ incatena davanti al Mercato

di Redazione
Clamorosa protesta del gestore di un banco del mercato

Il titolare di un banco di vendita all'interno del popolare mercato di Via Andrea Doria  si è incatenato questa mattina ad un lampione situato di fronte all'ingresso del Mercato Trionfale.

La motivazione del clamoroso gesto sta nel fatto che il TAR ha respinto il ricorso presentato dall'uomo contro il provvedimento di revoca della concessione della postazione da parte della Società Nuovo Mercato Andrea Doria che gestisce il Mercato.

La revoca, a quanto si è appreso, sarebbe stata determinata dal mancato pagamento delle quote di locazione.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Sul posto sono subito intervenuti la Presidente Sabrina Alfonsi ed il Vice Presidente ed Assessore al Commercio del Municipio Roma I Centro, Jacopo Emiliani Pescetelli, che hanno convinto l'uomo a desistere dalla  protesta invitandolo negli uffici del Municipio.

In una nota, il municipio I precisa che "Il gesto di quest'uomo è un gesto di disperazione, più che di protesta, ed è un segnale estremamente preoccupante del fatto che moltissimi operatori non riescono più a sostenere i canoni di locazione mensili delle postazioni all'interno del Mercato".

Vuoi la tua pubblicità qui?

La Presidente Alfonsi, dal canto suo, ha commentato che "in questo modo rischiamo il definitivo depauperamento di un Mercato storicamente presente nel Quartiere, che dovrebbe invece essere rilanciato. Per affrontare questi temi e valutare le possibili iniziative da adottare, ho chiesto ed ottenuto un incontro con l'Assessore alle Attività Produttive Marta Leonori, che ringrazio per l'immediata disponibilità. All'incontro saranno presenti anche i rappresentanti della Società Nuovo Mercato Andrea Doria e degli operatori commerciali"  

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo