Vuoi la tua pubblicità qui?
28 Settembre 2020

Pubblicato il

Tv: quando il toy boy è troppo ribelle

di Redazione

Un nuovo format di Rai 2 "Pechino Express" ci ha reso l'immagine di una coppia sopra le righe

Pechino Express, rai due, un format leggero e curioso all’insegna di viaggi e scoperte di luoghi meravigliosi, dove ogni coppia partecipante ha a disposizione un budget di due euro al giorno per affrontare i chilometri in programma. Il tutto si snoda in posti meravigliosi come Vietnam, Laos, Cambogia, Thailandia, che verranno percorsi in dieci puntate. Le coppie schierate sono 8 e devono percorrere più tappe. Vince chi arriva per primo al punto d’incontro stabilito, mentre gli ultimi sono a rischio eliminazione.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Fin qui tutto chiaro…ma se poi troviamo una concorrente poco più che sessantenne (Corinne Clery) che maltratta il compagno di squadra nonché il suo toy boy (Angelo Contestabile), allora la questione si fa decisamente interessante. Ora, non vogliamo discutere se un uomo più giovane sia meglio o peggio, ma come si può riversare su di lui tutti i “chiari di luna”. E il povero Angelo Costabile? Il bel trentacinquenne calabrese si prende ceffoni e insulti in un disarmante silenzio. Se questo divertente siparietto rappresenta uno spaccato della nostra società è davvero preoccupante.

E’ evidente come Corinne sia sempre più frustrata e logorata dal viaggio. Se la prende con Angelo che, in tutto ciò, si sente in colpa perché – “Provo a fare il possibile per renderla felice, non so più cosa fare. Ma forse sbaglio io, sì” -. Affermazione scioccante. Insomma, gli atti di “prevaricazione e bullismo” sul toy boy della Clery non sono passati inosservati e il mondo del social si è scatenato. C’è chi propone “Nuove iniziative sociali: Prendi a mazzate anche tu il fidanzato di Corinne Clery”. Sembra quasi di trovarsi – con le dovute tare – di fronte a Rossella Izzo e Francesco Venditti: lì però il figlio non aveva remore a mandare la mamma a quel paese.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento