Vuoi la tua pubblicità qui?
26 Ottobre 2020

Pubblicato il

Umberto I: proroga per i contratti cooperative

di Redazione

La Regione Lazio comunica la propoga dei contratti con le cooperative impegnate al Policlinico

“La vicenda dei dipendenti delle cooperative impegnati all’Umberto I, il cui contratto scade il prossimo 30 luglio, è stata discussa oggi nel corso di un incontro che si è svolto alla Regione Lazio presso la Cabina di regia alla presenza del direttore dell’Umberto I Domenico Alessio, del direttore direzione regionale salute e integrazione socio sanitaria Flori Degrassi e delle rappresentanze sindacali CgilFp, CislFp e UilFp.

Il caso del Policlinico è servito per stabilire un percorso in grado di offrire garanzie ai lavoratori interessati ma anche a rimettere ordine nelle modalità di affidamento a cooperative sociali di servizi e personale con compiti assistenziali interno alle aziende sanitarie del Lazio, nell’attesa di poter avviare il processo di internalizzazione, tema già posto all’attenzione del Tavolo tecnico ministeriale. Si è anche stabilito di lavorare per arrivare entro l’estate alla firma del nuovo protocollo Università- Regione.

La Direzione regionale procederà da subito ad una ricognizione precisa della presenza di personale dipendente da cooperative e impegnato a fini assistenziali, all’interno di tutte le aziende. Ad ognuna sarà chiesto di indicare le aree di attività in cui ci siano carenze tali da giustificare il ricorso a personale esterno.

La mappatura servirà per indire una gara unica regionale per reperire il personale sanitario necessario a garantire il rispetto dei Lea.

Nel frattempo si è stabilito di prorogare i contratti in essere per il tempo necessario a definire modalità e contenuti e, dunque, capitolato della gara unica centralizzata. Tutto ciò per avere chiarezza dei dati e per consentire in una corretta pianificazione di poter aprire una nuova stagione che ha un obiettivo preciso: reintarnilazzare i servizi assistenziali alla persona”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Lo afferma in una nota la Regione Lazio.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento