Vuoi la tua pubblicità qui?
15 Aprile 2021

Pubblicato il

Un canestro di Dyson regala alla Virtus Roma la vittoria sul campo di Cantù

di Redazione

Vittoria pesantissima per i capitolini, usciti trionfanti contro una delle concorrenti alla salvezza

La Virtus Roma torna alla vittoria, portandosi a casa due punti pesanti dal campo di Cantù. Un successo corale da parte degli uomini di Bucchi, che salgono a quota 8 punti e fanno un bel passo in avanti nella corsa alla salvezza.
Nel 74-76 finale, non ci sono solo i 21 punti di Dyson, ma anche la grinta di Pini, lo strapotere di Jefferson nel primo tempo e la versatilità di Kyzlink
Per Roma una partita di alti e bassi, che l'ha vista scivolare a -7 all'intervallo, salvo poi reagire nel terzo quarto riuscendo a difendere con le unghie e con i denti il vantaggio fino alla sirena finale. La squadra di Bucchi è stata particolarmente brava ad evidenziare le insicurezze di Cantù, che dal canto suo ha da rimproverarsi delle pessime percentuali nel tiro da tre, arma forse usata con poco raziocinio. 
Paradossalmente, i padroni di casa sono riusciti a rientrare nel finale di partita proprio grazie a due triple di Clark, che entrava nella gara con uno 0/12 in stagione. 
La Virtus si è dunque complicata la vita da sola, me è riuscita a venirne fuori grazie al canestro vincente di un Jerome Dyson versione clutch, autore di un'entrata ad altissimo tasso di difficoltà che è valsa la vittoria.

Vuoi la tua pubblicità qui?

IL TABELLINO
Acqua S. Bernardo Cantù 74 – 76 Virtus Roma
(19-23, 47-40; 60-64, 74-76)
Acqua S. Bernardo Cantù: Young 10, Collins 9, Procida, Clark 12, La Torre 2, Hayes 6, Wilson 11, Burnell 6, Baparapè, Simioni 6, Rodriguez, Pecchia 12.
Virtus Roma: Cusenza ne, Moore 2, Alibegovic 5, Rullo ne, Dyson 21, Baldasso 9, Pini 3, Farley ne, Spinosa ne, Jefferson 16, Buford 8, Kyzlink 12.

Vuoi la tua pubblicità qui?

LA PARTITA
Il primo quarto è caratterizzato da difese ballerine su entrambe le metà campo, con la Virtus che dopo 5' è gia a quota 14 punti. Roma cavalca soprattutto l'ex Jefferson, che se in difesa è spesso in ritardo, in attacco risulta dominante sotto canestro.
Il primo quarto si chiude sul 19-23 in favore della Virtus.
Nel secondo periodo Cantù prende fiducia e sfrutta il riposo di Dyson e Jefferson in panchina, con un parziale che porta Bucchi al timeout sulla tripla del 30-29. I padroni di casa incrementano il proprio vantaggio passo dopo passo, trovando anche tre canestri consecutivi sul finale di quarto con Burnell.
Si va all'intervallo sul 47-40.
Al rientro sul parquet, la Virtus ha un'altra marcia e si affida alle giocate di Dyson, che permettono ai suoi di accorciare e tornare in vantaggio sul 60-64 di fine terzo periodo.
Nel quarto conclusivo, Cantù continua ad affidarsi al tiro da tre ma con scarse percentuali. Roma allunga sul +10 soprattutto grazie a un Pini onnipresente a rimbalzo, ma poi smette di segnare e permette ai padroni di casa di rientrare. Cantù è sporca e continua a sbagliare molto, ma trova due triple insperate da parte di Clark (0/12 in stagione). A 30 secondi dalla fine è 74-74 con il possesso per la Virtus: palla in mano a Jerome Dyson, che attacca il ferro e scucchiaia di destro per il +2.
Sul possesso finale Cantù si affida a Clark, il cui tiro dalla media danza sul ferro ed esce.
Suona la sirena: Cantù 74 – 76 Virtus Roma.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento