Vuoi la tua pubblicità qui?
30 Settembre 2020

Pubblicato il

Un Marito per due, per il momento…

di Redazione

Il 49 un autobus galeotto che fa innamorare i passeggeri

Torna in scena al teatro Ghione di Roma la commedia di Claudio Insegno "Un marito per due", con Pino Insegno e Roberto Ciufoli – ancora insieme dopo gli esordi con la Premiata Ditta – Alessia Navarro, Marta Altinier, Sabrina Pelligrino, Federico Perrotta, Veronica Pinelli, Vito Ubaldini.

E' una commedia divertente e spassosa dove scambi di persona, equivoci e malintesi si sussegguono in modo sempre più incalzante creando grosse risate spontanee, anche tra gli stessi attori che la mettono in scena, con un finale del tutto inatteso.

E' una moderna commedia degli equivoci con un tema intramontabile: l'infedeltà matrimoniale. Il protagonista Phil interpretato da Pino Insegno, sposato con Meggie, interpretata da Marta Altinier, è un instancabile rubacuori che si infatua costantemente della fanciulla di turno prendendo abitualmente il solito autobus.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Quando incontra Giuli, una giovane di ventotto anni, non particolarmente brillante, interpretata da Alessia Navarro, Phil si innamora perdutamente, decide di sposarla e di andarci a vivere insieme. L'unico piccolo problema di Phil è che è già sposato con Meggie. Inoltre, andrà a vivere con Giuli nell'appartamento accanto alla casa in cui vive con Meggie.

Spetterà a George, interpretato da Roberto Ciufoli, amico veterano di Phil, dover dire a Meggie la verità sulla storia di Phil con Giuli. Phil coinvolgerà George in una serie di menzogne, scambi di persona ed equivoci che crescono nella commedia così come aumentano le amanti di Phil che intervengono nella scena, rendendo sempre più confuso e ingarbugliato il ruolo e l'identità di ciascun protagonista.

L'amante diventa la moglie, la moglie l'amante, il padre il marito, la moglie da tradita diventa a sua volta traditrice, il marito da traditore diventa tradito, in un alternarsi e in un invertirsi di ruoli dove la continuità è data dalla esilerante personalità di ciascun protagonista portato in scena da ogni attore con forza caratteriale e con una individualità comica che distingue e contraddistigue ogni personaggio.

Alla fine George si rivela innamorato della moglie di Phil a cui dichiara il suo amore; il povero Phil, in un colpo solo, è abbandonato dalla giovane Giuli che scopre la verità su Phil, dalle precedenti amanti e dal suo migliore amico.

Una commedia degli equivoci che in fondo non appare così lontana dalla vita quotidiana e così assurda ma che riflette in chiave comica gli psicodrammi dell'infedeltà coniugale. 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento