Giovedì 04 Giugno 2020 ore 10:34
CRONACA ROMA

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI

Bimbo soffocato all'Ikea, il GIP archivia l'inchiesta
Per il Giudice delle Indagini Preliminari si è trattato di una tragica fatalità

Il Gip ha archiviato l'inchiesta sul decesso del bimbo rimasto soffocato da un hot-dog mentre era al ristorante dell'Ikea di Roma considerando i fatti accaduti come una fatalità che non coinvolge la responsabilità del personale del centro commerciale.

Secondo il Giudice, quest'ultimo ha agito correttamente e quindi non ci sono motivi per procedere. Una decisione che ha lasciato senza parole la famiglia del piccolo e che sicuramente farà discutere. 

"Vogliamo giustizia - dice la mamma del bimbo - Non possono chiudere un'inchiesta senza neanche aver sentito le persone che hanno avuto un ruolo chiave in questa vicenda". Secondo la famiglia, tutto l'iter giudiziario "presenta numerose lacune e punti oscuri ancora da chiarire".

La stessa ha sempre riferito ed insistito non solo su un "colpevole ritardo" del 118, ma soprattutto dell' "assenza del personale medico all'Ikea". Tanto che presentò denuncia per omissione di soccorso. Lamenta, inoltre, che degli 8 testimoni indicati  ne è stato sentito solamente uno, mentre quelli a favore dell'IKEA (4) sono stati ascoltati tutti.

Denuncia, inoltre, che non è stato interrogato nessuno del personale del 118 intervenuto sul posto e che non sono state visionate le immagini di tutte le telecamere di sorveglianza poste nel luogo della tragedia.

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI


ARTICOLI CORRELATI
Nelle sedi istituzionali il silenzio in merito è assordante
Il piccolo era rimasto soffocato mangiando hot dog al centro commerciale presso il ristorante Ikea
Test del DNA e comparazione impronte digitali scagionano i 9 indagati, estranei ai fatti
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
Contattaci

[ versione mobile ]