Domenica 07 Giugno 2020 ore 03:55
RUBRICHE

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI

Papa Francesco testimonial della lingua italiana
di Massimo Persotti

In italiano, Papa Francesco ha pronunciato martedì 25 novembre i suoi due discorsi, prima al Parlamento europeo, poi al Consiglio d'Europa, non ricorrendo alla lingua internazionale principe, l'inglese, né a quella più amata negli ambienti diplomatici, il francese. E non si è neppure affidato alla sua lingua madre, lo spagnolo. Ha scelto la 'lingua di Dante', l'italiano.

Non è una novità. Nei suoi viaggi internazionali, l'italiano resta sistematicamente la lingua preferita. In Brasile, Israele persino in Corea dove la lontananza oltre che geografica ma anche linguistica è più forte. A Seul, Francesco ha candidamente riconosciuto: "Il mio inglese è povero", prima di passare all'italiano. Ma non è solo una questione di confidenza linguistica.

Come ha spiegato Luigi Accattoli (Corriere della Sera del 27 maggio 2014), Bergoglio non è un poliglotta  e, a differenza dei suoi predecessori Wojtyla e Ratzinger, "preferisce evitare la fatica di esprimersi in lingue che non padroneggia". E poi, "ama presentarsi come vescovo di Roma" e nella Santa Sede la lingua d'uso è l'italiano.

Lo scegliere l'italiano come 'lingua franca' emerge con forza anche nei messaggi ‘Urbi et Orbi’ che a Natale e a Pasqua il Papa rivolge ai romani e al mondo intero. Wojtyla e Ratzinger erano arrivati a fare gli auguri in ben 65 lingue. Francesco li fa solo in italiano.

La lingua italiana torna quindi a esercitare un ruolo di primo piano nel contesto internazionale. Lo fa grazie a Papa Francesco e alla Santa Sede. Non più solo una "bella lingua" per gli amanti del nostro Paese, della cultura, storia e tradizione che l'Italia ancora oggi rappresenta nel mondo. Ma una 'lingua di comunicazione' che i cristiani di tutto il mondo riconoscono quando Bergoglio a loro si rivolge.

Una straordinaria opportunità per un nuovo futuro dell'italiano? Certamente una occasione di rilancio della nostra lingua e della nostra immagine che istituzioni e autorità hanno l'obbligo di non sprecare.

 

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI


ARTICOLI CORRELATI
"Uno di noi" archivia "Lei non sa chi sono io"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
Contattaci

[ versione mobile ]