Domenica 07 Giugno 2020 ore 04:51
CRONACA POMEZIA

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI

Omicidio a Pomezia, rintracciato autore delitto di via La Malfa
Lo scorso agosto Giuseppe Nirta fu assassinato da un operaio con il quale aveva avuto una lite per motivi economici

Dopo quasi un anno di indagini, i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Frascati hanno arrestato il presunto autore dell’aggressione mortale ai danni di Giuseppe Nirta, 55enne originario di Locri (RC), preso a bastonate alla testa la sera del 10 agosto 2014 nell’androne del palazzo di via La Malfa a Pomezia, mentre faceva tranquillamente rientro a casa. La vittima non è morta subito ma la gravità delle ferite riportate ha reso vana ogni cura tanto da portarlo alla morte due settimane dopo. 

Si tratta di un operaio tunisino 45enne, E.M.D., regolare sul suolo nazionale. L’arresto è stato eseguito in ottemperanza dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Velletri in accoglimento dell’articolata richiesta formulata dalla Procura della Repubblica di Velletri che ha coordinato le complesse indagini. Le attività investigative, sin dai primi momenti, sono risultate particolarmente difficili a causa dell’assenza di testimoni oculari in grado di fornire particolari utili ad inquadrare i fatti. Attraverso prolungate escussioni di persone vicino alla vittima, indagini di natura tecnica e il minuzioso esame dei tabulati telefonici è stato possibile ricostruire la dinamica dell’efferato gesto.

Dalle indagini è emerso che negli ultimi giorni vi erano stati ripetuti litigi tra la vittima e l’arrestato per la spartizione dei soldi da loro ricavati per la ristrutturazione di una appartamento; uno screzio banale che però ha portato al crescere della tensione tra due soggetti caratterialmente impulsivi e, nel caso dell’indagato, con un’indole violenta. La sera del 10 agosto, come ricostruito dagli inquirenti, il tunisino avrebbe atteso la vittima sotto il palazzo di via La Malfa, in Pomezia, ove abitava e lì lo ha aggredito con un bastone colpendolo violentemente al capo tanto da fracassargli la scatola cranica.

All’arrestato viene contestato l’omicidio premeditato e aggravato perché “si appostava sotto l’abitazione di Nirta Giuseppe e all’arrivo della vittima lo colpiva al capo con un corpo contundente cagionandogli ferite lacero contuse localizzate in sede frontale e la frattura pluriframmentaria della teca cranica, da cui derivava la morte, con l’aggravante dell’aver agito con premeditazione, mosso da futili motivi ed approfittando dell’orario notturno”. Quando è stato arrestato E.M.D. si trovava all’interno di un appartamento popolare sicuro ormai di averla fatta franca. L’operaio tunisino verrà interrogato nei prossimi giorni dal G.I.P. che ha emesso la misura cautelare.

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI


ARTICOLI CORRELATI
"Serena andò in caserma per denunciare lo spaccio di droga che veniva perpetrato dal figlio dell'ex maresciallo Mottola. In quel periodo, inoltre, Arce era in una situazione mafiosa"
La ragazza, 23enne di Frosinone madre di due bambini piccoli, era deceduta il 23 agosto 2017 mentre si trovava a bordo di un'autovettura che stava transitando nel comune di Prossedi
Interrogata una persona, mentre i Ris avrebbero individuato particolari sulla busta che copriva la testa della ragazza
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
Contattaci

[ versione mobile ]